Il Blog sulla Canzone Napoletana Classica
Tarantelluccia.it

Se ne va anche l’ultimo dei De Filippo

Categoria: Attualità
Data inserimento: 31 marzo, 2018
Autore: Lo Guarracino

Luigi De Filippo Muore all’età di 87 anni Luigi De Filppo figlio di Peppino ed ultimo erede della storica famiglia che ha reso grande il teatro a Napoli e nel mondo.

Intitolate tre strade a tre mostri sacri della canzone napoletana: Bruni, Carosone e Murolo

Categoria: Attualità
Data inserimento: 14 marzo, 2018
Autore: Lo Guarracino

Al Vomero tre strade per ricordare quelli che possono considerarsi i tre mostri sacri della canzone napoletana della seconda metà del novecento: Roberto Murolo, Renato Carosone e Sergio Bruni. La cerimonia ha avuto luogo ieri, mercoledì 14 marzo.

I tre musicisti saranno in buona compagnia poiché nello stesso quartiere già altre strade portano il nome di grandi artisti napoletani del passato come il pittore Luca Giordano, lo scultore Luigi Vanvitelli ed i musicisti Domenico Cimarosa, Alessandro Scarlatti e Gaetano Donizetti (quest’ultimo bergamasco di nascita ma napoletano di adozione).

L’Addio

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 23 dicembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Libero Bovio 1926)

Libero Bovio, autore del testo di Addio

Che mm’hê purtata a fá cu te stasera?
T’ ‘avevo ditto: “Che mme puorte a fá?”
I’ tengo ‘a faccia janca cchiù d’ ‘a cera
e tu nun tiene ‘a forza ‘e mme parlá.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

‘O ssaccio, nun si’ tu, nenna mia d’oro,
è ‘o core mio ca nun mme cura cchiù.
Ma nun avé paura ca, si moro,
io nun ‘o ddico ca si’ stato tu.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Stasera quanta stelle e quanta voce
‘ncoppe ‘e chitarre tornano a cantà
anema mia pecché me miette ‘ncroce
turnammancenno, che facimmo ccà ?

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Per i non napoletani

  • Pusilleco = Posillipo, uno dei quartieri di Napoli
  • janca = bianca
  • ‘o ssaccio = lo so
  • nenna = ragazza
  • moro = muoio

La sirena Partenope – Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Categoria: Luoghi storici della canzone napoletana
Data inserimento: 2 novembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

Questo è il terzo video dedicato ai luoghi storici della canzone napoletana. In questa puntata andremo alle origini della tradizione che vuole Napoli città simbolo del bel canto. Visiteremo infatti i luoghi della Sirena Partenope, creatura mitica, dal melodioso canto e leggendaria fondatrice dell’omonima città, nucleo fondante di quella che sarà Napoli.

La prima tappa di questo affascinante viaggio sarà l’isolotto di Megaride, dove secondo la legenda arrivò, trascinato dalle correnti del golfo, il corpo senza vita della sirena e dove oggi si erge lo splendido Castel dell’Ovo. Passeggeremo anche per lungomare di Napoli, percorrendo proprio la strada che porta il nome della sirena.

sirena partenope

Sarà poi la volta di Via Gramsci con i suoi bellissimi palazzi nobiliari e Piazza Sannazaro al centro della quale è installata la famosa fontana della sirena.

Ci sposteremo poi nel rione Materdei per percorrere il caratteristico Vico Lungo San Raffaele alla fine del quale troveremo Via Salita San Raffaele dove potremo ammirare lo splendido murale della sirena dipinto nell’estate del 2015 dall’artista di strada Francisco Bosoletti.

Arrivati a Piazza Municipio, entreremo a Palazzo San Giacomo – sede del comune di Napoli – per ammirare ‘A capa ‘e Napule (La testa di Napoli): la statua più famosa della città. Si tratta dei resti di un’antica statua greca che secondo la tradizione raffigura proprio la sirena dal dolce canto.

In Via Giuseppina Guacci Nobile, dietro la sede principale dell’Università Federico II, scopriremo la fontana della Spinnacorona, anche chiamata fontana delle zizze. Si tratta di una fontana molto particolare poiché rappresenta la sirena Partenope nell’atto di spegnere l’eruzione del Vesuvio scolpito ai suoi piedi tramite l’acqua che esce dalle proprie mammelle.

Ultima tappa del nostro viaggio sarà la Basilica di San Giovanni Maggiore, posta a ridosso delle omonime rampe situate in una traversa di Via Mezzocannone, dove ci metteremo alla ricerca della mitica tomba della sirena.

Ovviamente, durante questo itinerario andremo alla scoperta delle canzoni classiche napoletane più famose che si sono ispirate alla sirena Partenope.