Tarantelluccia.it

Uocchie c’arraggiunate

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 2 marzo, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Alfredo Falcone Fieni 1904)

St’uocchie ca tiene belle,
lucente ccchiù de stelle,
sò’ nire cchiù do nniro
só’ comm’a duje suspire…

Ogne suspiro coce,
ma tene ‘o ffuoco doce…
e, comme trase ‘mpietto,
nun mme dá cchiù arricietto.

E chi ve pò scurdá,
uocchie c’arraggiunate
senza parlá?
Senza parlá?
A me guardate sí…
e státeve nu poco,
comme dich’i’…
comme dich’i’…
comme vogl’i’!…

Sò nire: cchiù sblennente
‘e ll’ebano lucente!
Comm’a na seta fina
só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina.

Sempe ca ‘e ttèngo mente,
nce trovo sentimente…
pecché nce sta nu vezzo,
ca i’ guardo e ll’accarezzo.

E chi ve pò scurdá,
uocchie c’arraggiunate
senza parlá?
Senza parlá?
A me guardate sí…
e státeve nu poco,
comme dich’i’…
comme dich’i’…
comme vogl’i’!…

Sciure e frónne addirose,
nun cerco tanta cose…
Né ‘a cchiù bella guagliona,
si è ricca, mm’appassiona…

Ma tutta simpatia,
ma tutta vita mia,
mme giova o mm’arruvina,
só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina!

E chi ve pò scurdá,
uocchie c’arraggiunate
senza parlá?
Senza parlá?
A me guardate sí…
e státeve nu poco,
comme dich’i’…
comme dich’i’…
comme vogl’i’!…

Traduzione per i non napoletani

  • ccchiù = più
  • duje = due
  • arricietto = pace, tranquillità
  • uocchie c’arraggiunate = occhi che ragionate (parlate)
  • scurdá = dimenticare
  • ttèngo mente = tengo a mente
  • sciure = fiori
  • ‘frónne = foglie
  • ‘addirose = odorose

Argomenti trattati

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

9 Responses to “Uocchie c’arraggiunate”

  1. mimmo polito scrive:

    continua cosi’

  2. Tizzani Giovanni scrive:

    Uocchie ca ragiunate é una delle più belle canzoni napoletane, scritta dal Maestro Falconi, dedicandola alla sua amata fidanzata che si chiamava Tizzani Concetta che poi divenne sua moglie, e questa giovane bella aveva dei bei occhi neri ed era l’unica in famiglia ad avere gli occhi neri. Il Maestro Falconi divenne Avvocato ed è stato dirigente della Napoletana Gas. Poi il restante ci sono gli eredi di Falconi che sapranno più di me. Io mi chiamo Tizzani Giovanni sono un pronipote della cuncuttina, mio padre Francesco era figlio del fratello di Concetta

  3. Vincenzo Gargiulo scrive:

    Mi e sempre piaciuta uocchie c’àrraggiunate ma non sapendo le parole stavo in difficoltà poterla cantare allora facevo solo il verso di sicuro la imparerò a cantare, ma ciò che mi ha fatto veramente piacere e sapere dell’avvocato Falconi e stato un nostro dirigente.

  4. tonino scrive:

    E’ UNA DELLE PIU’ BELLE CANZONI NAPOLETANE SOPRATUTTO QUANDO LA CANTICCHIAVA EDUARDO

  5. Giulia Falcone scrive:

    Buongiorno,
    Segnalo che nome corretto è Alfredo Falcone Fieni, e non “Falconi”; ne sono sicura perché è il mio bis-nonno:)

    Sarebbe molto gradita una correzione .

    Grazie mille

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>