Tarantelluccia.it

Tarantelluccia

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 27 maggio, 2012
Autore: Lo Guarracino

(Ernesto Murolo 1907)

Ernesto Murolo, autore del testo di Tarantelluccia

Na casarella
pittata rosa,
‘ncopp”e Camaldule,
vurría tené:

Piccerenèlla,
p”o sposo e ‘a sposa:
comm’a na cònnola
pe’ me e pe’ te…

-“Tùppete-ttùppete!”
mme ritirasse…
Tu, verbigrazia,
vien’a arapí…

Cu ‘ammore, é facile
tutt”o ddifficile…
Si ha da succedere,
succedarrá!

Na luggetèlla
‘nfucata ‘e sole,
cu ‘aruta e ‘anèpeta
piantate ‘a te…

‘Sta faccia bella,
‘mmiez’ê llenzole
spase pe’ ll’ásteco,
vurría vedé…

Vurría annascónnerme
quanno passasse…
pe’ fá, vasánnote,
cucù-setté…

Cu ‘ammore è facile
tutt”o ddifficile…
Si ha da succedere,
succedarrá!

Na cunnulélla…
Ninno picciuso…
‘Nfaccia doje frávule:
gulío ‘e mammá…

‘Gnóra vavella,
cu n’uocchio a ‘o fuso,
canta, vucánnolo:
“Michelemmá…”

Notte e silenzio…
Lietto sincero…
Doje bracce strégnerme
vurría sentí!…

Cu ‘ammore è facile…
tutt”o ddifficile…
Si ha da succedere,
succedarrá!

Traduzione per i non napoletani

  • tarantelluccia = una piccola tarantella
  • casarella= casetta
  • pittata = dipinta, tinteggiata
  • cònnola= culla
  • Tùppete-ttùppete = toc toc (quando si bussa alla porta)
  • luggetèlla = terrazzino
  • ‘nfucata = riscaldata
  • aruta = pianta a cui le donne del popolo attribuivano poteri magici
  • anèpeta= pianta simile alla menta
  • llenzole = lenzuola
  • ásteco = astrico, terrazzo
  • cunnulélla = piccola culla
  • ninno picciuso = bambino capriccioso

Argomenti trattati ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

3 Responses to “Tarantelluccia”

  1. Marco scrive:

    ‘Gnóra vavella,
    cu n’uocchio a ‘o fuso, vucánnolo? ma che c…. ste’ dì ?
    nate fat’ traducion parsiale

    • lo Guarracino scrive:

      Ciao Marco,
      la strofa a cui ti riferisci significa pressapoco questo: “la vicina di casa – tenendo d’occhio il fuso (lo strumento per filare), canta Michelemmà facendo dei vocalizzi

  2. viviana scrive:

    No. Io non so quando è stato pubblicato questo post e quando è arrivata la domanda sulla gnora vavella…probabilmente sto rispondendo con anni di ritardo. Ma sono qui adesso e quindi rispondo adesso. E ti, vi rispondo con un link che mi sembra la spiegazione più consona alla giusta domanda di Marco: giusta, perché è sicuramente l’espressione più incomprensibile della canzone. Buona lettura e a distanza di anni, ditemi che ne pensate…” A margine ricorderò tuttavia che il napoletano d’antan ebbe un termine coniato addizionando le voci gnora e vavella→gnoravavella= balia da latte, nutrice in cui la parola gnora si guadagnò una sorta di affettuosità assente nello gnora= suocera, madre della sposa; in realtà il termine vavella preso da solo significò in origine nonnina essendo etimologicamente un diminutivo corruttivo di ava incrociato con vava (bava); preso in unione con gnora, cioè con gnoravavella si indicò la balia da latte, la nutrice ed in tal modo gnora fu nobilitata in senso affettivo dall’accostamento con vavella.” http://lellobrak.blogspot.it/2009/07/suocera-contorni.html

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>