Tarantelluccia.it

vincenzo russo

Vincenzo Russo, poeta per amore

Quella di Vincenzo Russo è un’esperienza poetica e personale unica nel panorama storico della canzone classica napoletana che gli vale senz’altro un posto d’onore tra i grandi di tutti i tempi. Perché se è vero che la poesia è mettersi a nudo di fronte al mondo, allora quella di Russo è poesia con la “P” […]

L'urdema canzona mia

(Vincenzo Russo 1904) Nun me parlate cchiù d’ ‘e sciure ‘e rrose! Pe’ mme ‘sti rrose songo senz’addore. Nun me dicite: ‘a giuventù è ‘nu sciore Ca chistu sciore mio è muorto già! Pe’ mme tutt’è fernuto. Addio, staggione belle! Addio, rrose e vviole, I’ ve saluto! Oje sole, sò, tu pure m’hê lassato. Tu […]

Canzona bella

(Vincenzo Russo 1904) Vuje ca d”e bbelle la cchiù bella site, veniteve a affacciá for”o balcone, scetáteve nu poco, nun durmite, sentite quant’è doce ‘sta canzone.   Chesta canzone ca io stó’ cantanno, è tutta sentimento e ‘spressione che vène da nu core ‘e passione. Stu core ca, pe’ vuje, soffre ‘a n’anno.   Vurria […]

L'epoca d'oro della canzone napoletana

La Belle Epoque e l’epoca d’oro della canzone napoletana Tra la fine dell’ottocento e l’inizio della prima guerra mondiale l’Europa vive un periodo straordinario: la Belle Époque (l’epoca bella). È innanzitutto un periodo di pace: finalmente nel vecchio continente non ci sono più guerre fratricide. È poi un periodo di grande splendore per l’arte e […]

'A serenata d''e rose

(Vincenzo Russo 1899) E’ mezanotte, e cu stu mandulino, i’ canto a stu barcone chino ‘e rose… saglie n’addore ‘arancio da ‘o ciardino e st’aria doce vène a prufumá! ‘A luna janca mme pare d’argiento, sbattute sóngo ‘e rrose da stu viento… Oje rose meje! Si dorme chesta fata, scetátela cu chesta serenata! E’ mezanotte, […]

Maria Marì

(Vincenzo Russo 1904) Arápete fenesta! Famme affacciá a Maria, ca stóngo ‘mmiez’â via… speruto d”a vedé… Nun trovo n’ora ‘e pace: ‘a notte ‘a faccio juorno, sempe pe’ stá ccá attuorno, speranno ‘e ce parlá! Oje Marí’, oje Marí’, quanta suonno ca perdo pe’ te! Famme addurmí, abbracciato nu poco cu te! Oje Marí’, oje […]

A Marechiaro ce sta 'na fenesta

Marechiare è il capolavoro assoluto di Salvatore Di Giacomo – il che è già tutto dire ! I versi di questa canzone hanno una forza evocativa straordinaria, tale da indurre in chi li legge la sensazione di trovarsi proprio lì sulla scena della narrazione. Fin da subito, infatti, pare quasi di odorare il profumo del […]

Canzoni napoletane ispirate al mese di Maggio: le cinque più belle

Maggio, si sa, è il mese delle rose e dell’amore, dei baci appassionati e dei matrimoni. Sarà per la dolcezza del clima, per le giornate che si allungano o per il profumo inebriante dei fiori, ma a Maggio c’è in ognuno di noi un rigoglioso risveglio di sensi che sembravano ormai assopiti dai cupi mesi […]

Torna Maggio

(Vincenzo Russo 1900) Rose! Che belli rrose!…Torna maggio! Sentite ‘addore ‘e chisti sciure belle! Sentite, comme cantano ll’aucielle… e vuje durmite ancora!?… ‘I’ che curaggio! Aprite ‘sta fenesta, oje bella fata, ché ll’aria mo s’è fatta ‘mbarzamata: Ma vuje durmite ancora, ‘i’ che curaggio! Rose! Che belli rrose!… Torna maggio! Rose che belli rrose!… ‘A […]

Napoli e il gioco del lotto: fatti, personaggi e canzoni

Da sempre legata alla magia, alle superstizioni e ai numeri, Napoli ha fatto del gioco del lotto una vera e propria filosofia di vita. In nessun’altra città del mondo un gioco d’azzardo è entrato così in profondità nella cultura, nella mitologia e nei costumi del suo popolo. Un mondo parallelo fatto di credenze e misteri, […]

I' te vurria vasà

(V. Russo 1900) Ah! Che bell’aria fresca Ch’addore ‘e malvarosa E tu durmenno staje, ‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa! ‘O sole, a poco a poco, pe’ stu ciardino sponta ‘o viento passa e vasa stu ricciulillo ‘nfronte! I’ te vurría vasá I’ te vurría vasá ma ‘o core nun mm”o ddice ‘e te scetá ‘e […]

Io te vurria vasà (storia di un amore)

Si dice che non ci sia amore più intenso e sublime di quello mai realizzatosi, di quello soltanto idealizzato. Sono gli amori incompiuti: quelli tenuti segreti, non dichiarati, o quelli non corrisposti o impediti da ostacoli insormontabili. Si dice che questo tipo di amore porti a vivere esperienze uniche, a provare indescrivibili sensazioni di sofferenza […]