Tarantelluccia.it

Salvatore Di Giacomo

Salvatore Di Giacomo (12/03/1860 – 04/04/1934), il sommo poeta della canzone classica napoletana, il protagonista indiscusso dell’epoca d’oro della canzone napoletana. Ha scritto più di duecento canzoni. Avvalendosi della collaborazione dei più grandi musicisti del tempo ha scritto canzoni memorabili come: Napulitanata, Era de Maggio, Marechiare, Oilì Oilà, Luna nova, ‘E spingule Francese, Catarì, Palomma ‘e notte .

Fausto Cigliano, il Michelangelo della canzone classica napoletana

Ricordo Fausto Cigliano alla televisione nella trasmissione “Mattina In Famiglia” su RAI2 e prima ancora in “Telesogni” su RAI3. Rimanevo letteralmente estasiato da quelle sue interpretazioni. La sua voce era armoniosa, misurata, piacevolmente vibrante fino alle note più basse. Squisiti erano poi gli arrangiamenti che proponeva con la chitarra. Ambasciatore nel mondo della canzone classica […]

Intervista a Salvatore Palomba, il poeta della canzone napoletana Carmela.

Nel video che ho pubblicato in questo articolo (in fondo alla pagina) sono con Salvatore Palomba, il poeta della celebre canzone napoletana Carmela musicata e portata al successo da Sergio Bruni. Incontrai il Maestro Palomba nel Dicembre del 2014 ad un meeting sulla canzone napoletana organizzato a Succivo (in provincia di Caserta, ma nel video […]

Canzoni napoletane nelle commedie di Eduardo De Filippo

Accanto a quella che è la mia passione per la canzone napoletana c’è anche quella per il teatro, napoletano ovviamente. Entrambe sono manifestazioni di uno stesso amore: quello per Napoli e la napoletanità. E se in ambito canzonettistico il mio artista preferito è Roberto Murolo, in quello teatrale è invece (ed oserei dire, ovviamente) Eduardo […]

Roberto Murolo

Roberto Murolo è stato uno dei più grandi artisti del novecento italiano: un interprete sopraffino ed un fine dicitore. Con la sua bellissima voce ed il suo inconfondibile stile ha rivalorizzato la canzone napoletana classica. L’ha messa a nudo, l’ha spogliata di inutili fronzoli e ne ha esaltato la naturale bellezza dei versi e delle […]

Gli Autori di Marechiare

La qualità di questa foto d’epoca non è certo delle migliori, ma essa è una vera rarità. Infatti ritrae assieme gli autori della celebre canzone napoletana Marechiare. Sono il poeta Salvatore Di Giacomo ed il maestro Francesco Paolo Tosti.

L'epoca d'oro della canzone napoletana

La Belle Epoque e l’epoca d’oro della canzone napoletana Tra la fine dell’ottocento e l’inizio della prima guerra mondiale l’Europa vive un periodo straordinario: la Belle Époque (l’epoca bella). È innanzitutto un periodo di pace: finalmente nel vecchio continente non ci sono più guerre fratricide. È poi un periodo di grande splendore per l’arte e […]

'A Sirena

(Salvatore Di Giacomo 1898) Quanno ‘a luna, affacciánnose ‘a cielo, passa e luce e, ‘int’a ll’acqua, se ‘mmira e ce stenne, d’argiento, nu velo, mentre ‘o viento da sera suspira; quanno io sento, pe’ st’aria addurosa, comma voce da terra luntana, lenta lenta, suná na campana… ‘ntenneruto, mme metto a vucá… Tutte mme diceno: “Pe’ […]

Lariulá

(Salvatore Di Giacomo 1890) (Duetto) Lui: – Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato, quanto t’aggio stimato a tiempo antico! Tiénete ‘o muccaturo arricamato, tutta ‘sta rrobba mia ta benedico… Lei: – Quanto si’ bello e quanto si’ curtese! io t’ero indifferente e mo se vede; tècchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese… fossero accise ll’uommene […]

Luna Nova

(Salvatore Di Giacomo 1887) La luna nova ncopp’a lu mare stenne na fascia d’argiento fino; dint’a la varca nu marenare quase s’addorme c’ ’a rezza ’nzino… Nun durmí, scétete, oi marenà, votta ’sta rezza, penza a vucà! Dorme e suspira stu marenare, se sta sunnanno la nnammurata… Zitto e cuieto se sta lu mare, pure […]

E' trezze 'e Carulina

E’ trezze ‘e Carulina è una canzone del 1895, scritta da due grandi della canzone classica napoletana di tutti i tempi: il poeta Salvatore Di Giacomo e il musicista Salvatore Gambardella. Si tratta di un’opera che appartiene a quella nutrita schiera di canzoni napoletane che sono dei veri e propri gioielli, ma che per qualche […]

Carcioffolá

(Salvatore Di Giacomo 1893) I Oje mamma mamma, che luna, che luna… mme vène, mme vène malincunia!… Coro: Malincunia!… E si ‘sta luna mme porta furtuna, marítame ampresso, mammélla mia… Coro: Mammélla mia!… E dimme a chi vuó’!… Coro: Cu ‘o ndanderandí!… Ca piglio e t”o dóngo… Coro: Cu ‘o ndanderandá!… Nun saccio a chi […]

Oilì Oilà

(Salvatore Di Giacomo 1886) I Carmè’, quanno te veco, Carmè’, quanno te veco, Carmè’, quanno te veco, mme sbatte ‘o core… Dimméllo tu ch’è chesto, dimméllo tu ch’è chesto, dimméllo tu ch’è chesto, si nun è ammore? Chest’è ammore, Oilì Oilà ! e dincello a mamma toja si te vò’ fá mmaretá… Chest’è ammore, Oilì […]

'E spingule francese

(Salvatore Di Giacomo 1888) Nu juorno mme ne jètte da la casa, jènno vennenno ‘e spingule francese… Nu juorno mme ne jètte da la casa, jènno vennnenno ‘e spingule francese… Mme chiamma na figliola: “Trase, trase, quanta spingule daje pe’ nu turnese?” Mme chiamma na figliola: “Trase, trase, quanta spingule daje pe’ nu turnese? Quanta […]

Napulitanata

(Salvatore Di Giacomo 1884) Uocchie de suonno, nire, appassiunate, ca de lu mmèle la ducezza avite, pecché, cu sti gguardate ca facite, vuje nu vrasiero ‘mpietto mm’appicciate?… Ve manca la parola e mme parlate, pare ca senza lacreme chiagnite, de ‘sta faccella janca ánema site, uocchie belle, uocchie doce, uocchie affatate!… Vuje ca ‘nziem’a li […]

Tre monumenti della canzone napoletana

Una foto straordinaria! Da sinistra verso destra: Ferdinando Russo, Salvatore Di Giacomo e Libero Bovio. Tre grandi poeti. Tre monumenti della canzone classica napoletana.

Serenata napulitana

(Salvatore Di Giacomo 1896) Dimme, dimme, a chi pienze assettata sola sola, addereto a sti llastre? ‘Nfacci’ô muro ‘e rimpètto, stampata, veco n’ombra…e chest’ombra si’ tu! Fresca è ‘a notte: na luna d’argiento, saglie ‘ncielo e cchiù ghianca addeventa… e nu sciato, ogne tanto, d”o viento ‘mmiez’a st’aria se sente passá… Ah, che notte, ah, […]

Palomma ‘e notte

(Salvatore Di Giacomo 1906) Tiene mente ‘sta palomma, comme gira, comm’avota, comme torna n’ata vota sta ceròggena a tentá! Palummè’ chist’è nu lume, nun è rosa o giesummino… e tu, a forza, ccá vicino te vuó’ mettere a vulá!… Vatténn”a lloco! Vatténne, pazzarella! va’, palummella e torna, e torna a st’aria accussí fresca e bella!… […]

Funiculì Funiculà: l’inizio dell’epoca d’oro della canzone napoletana

La canzone Funiculì Funiculà rappresenta uno dei momenti più importanti in assoluto della canzone classica napoletana. Intanto è la prima canzone napoletana dove sono chiaramente individuati come autori un poeta ed un musicista. Ed è la canzone che per prima esce fuori dai confini nazionali per fare praticamente il giro di tutto il mondo; è […]

'E trezze 'e Carulina

(Salvatore Di Giacomo 1895) Oje pétteno ca piéttene ‘e trezze ‘e Carulina , damme nu sfizio, scíppala scíppala na matina… E tu specchio addó’ lùceno chill’uocchie addó’ cantanno ride e se ‘mmira, appánnete quanno se sta ammiranno… Lenzole addó’ se stènnono ‘e ccarne soje gentile, ‘nfucáteve, pugnítela, tutto stu mese ‘abbrile… e vuje teste d’anèpeta, […]

A Marechiaro ce sta 'na fenesta

Marechiare è il capolavoro assoluto di Salvatore Di Giacomo – il che è già tutto dire ! I versi di questa canzone hanno una forza evocativa straordinaria, tale da indurre in chi li legge la sensazione di trovarsi proprio lì sulla scena della narrazione. Fin da subito, infatti, pare quasi di odorare il profumo del […]

Catarì

(Salvatore Di Giacomo 1892) Marzo: nu poco chiove e n’atu ppoco stracqua… Torna a chiovere, schiove… ride ‘o sole cu ll’acqua. Mo nu cielo celeste, mo n’aria cupa e nera… Mo, d”o vierno, ‘e ttempeste, mo, n’aria ‘e primmavera… N’auciello freddigliuso, aspetta ch’esce ‘o sole… ‘Ncopp”o tturreno ‘nfuso, suspirano ‘e vviole… Catarí, che vuó’ cchiù? […]

Marechiaro

(Salvatore Di Giacomo 1885) Quanno spónta la luna a Marechiaro, pure li pisce nce fanno a ll’ammore… Se revòtano ll’onne de lu mare: pe’ la priézza cágnano culore… Quanno sponta la luna a Marechiaro. A Marechiaro ce sta na fenesta: la passiona mia ce tuzzuléa… Nu garofano addora ‘int’a na testa, passa ll’acqua pe’ sotto […]

Salvatore Di Giacomo, il sommo poeta della canzone classica napoletana

Salvatore Di Giacomo (Napoli, 12 marzo 1860 – Napoli, 4 aprile 1934) può essere considerato senza tema di smentita il sommo poeta della canzone classica napoletana. È con lui che prende forma la canzone d’autore, è con lui che la canzone napoletana – e quindi la canzone in generale – assurge a vera forma d’arte. […]

Canzoni napoletane ispirate al mese di Maggio: le cinque più belle

Maggio, si sa, è il mese delle rose e dell’amore, dei baci appassionati e dei matrimoni. Sarà per la dolcezza del clima, per le giornate che si allungano o per il profumo inebriante dei fiori, ma a Maggio c’è in ognuno di noi un rigoglioso risveglio di sensi che sembravano ormai assopiti dai cupi mesi […]

Era de Maggio

(Salvatore Di Giacomo 1885) Era de maggio e te cadéano ‘nzino, a schiocche a schiocche, li ccerase rosse… Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino addurava de rose a ciento passe… Era de maggio, io no, nun mme ne scordo, na canzone cantávamo a doje voce… Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo, fresca era ll’aria […]

Spusalizio 'e marenaro

‘O spusalizio – ovvero il matrimonio a Napoli – è qualcosa che può travalicare i confini dell’immaginabile e che spesso oltrepassa il senso della misura e del buon senso; soprattutto per quanto riguarda l’aspetto economico. Si comincia con le spese per la promessa di matrimonio, dove – per fortuna – si invitano solo i parenti […]

Nacquero a Napoli i primi conservatori

Al di là del vastissimo repertorio di canzoni napoletane – e già questo basterebbe per considerarla come capitale mondiale della canzone – è straordinario il contributo che Napoli ha dato alla musica, sia a livello Italiano che Europeo. Basti pensare che fu proprio nella Napoli del cinquecento che nacquero i primi conservatori. E cioè i […]