Tarantelluccia.it

libero bovio

Le canzoni napoletane incise da Enrico Caruso

Agli albori della discografia Enrico Caruso può essere senza dubbio considerato uno dei pionieri della discografia mondiale, il primo grande artista lirico ad incidere la sua voce su disco. Nel 1902 quella nuova tecnologia era ormai matura per prendere il posto della più vecchia a cilindro. Quello stesso anno, dietro un compenso di cento sterline, […]

Canta pe' mme!

(Libero Bovio 1934) Canta pe’ mme stanotte ‘na canzona, Tu ca sì bella e tiene ‘a voce d’oro! Cantammella stanotte e ca si moro, Moro sentenno ‘na bella canzona! Canta ‘na serenata ‘e marenare C”a tantu tiempo nun se canta cchiù! Mare! Stanotte quanta varche a mare! Ma tu nun cante. Ma a che pienze […]

‘A serenata ‘e Pullicenella

(Libero Bovio 1911) E sto’ aspettanno cu stu mandulino ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna… mme so’ nascosto dint’a nu ciardino, pe’ nun ‘o ffá assape’ ca so’ semp’io ca cerco scusa a te. Te voglio tantu bene! Te voglio tantu bene! T”o ddico zittu, zittu, zittu, zitto… ca, si allucco, ‘a […]

'A canzone 'e Napule

(Libero Bovio 1912) Mme ne vogl’í a ll’America, ca sta luntana assaje: Mme ne vogl’í addó’ maje te pòzzo ‘ncuntrá cchiù. Mme voglio scurdá ‘o cielo, tutte ccanzone…’o mare, mme voglio scurdá ‘e Napule, mme voglio scurdá ‘e mámmema, mme voglio scurdá ‘e te! Nun voglio cchiù nutizie d’amice e de pariente… Nun voglio sapé […]

Tarantella luciana

(Libero Bovio 1913) Ma chest’ evera ‘e mare comm’addora stasera! Tutto munno mme pare cchiu’ schietto e cchiu’ allero, nun saccio ‘o ppecche’… Viene ‘a cca’, Luciana… Tu, che ancora ‘a spadella, puorte dinte capille, si’ ‘a femmena bella ca i’ voglio vede’… ‘Sta tarantella napulitana, ‘nziem’a te Luciana, ca si’ guappa e si’ bella, […]

Silenzio cantatore

(Libero Bovio 1922) Zitta, stanotte nun dicere niente: cádeme ‘mbraccia, ma senza parlá… Dòrmono ‘e ccose nu suonno lucente, nu suonno ‘e na notte d’está. Marí’, dint”o silenzio, – silenzio cantatore – nun te dico parole d’ammore, ma t”e ddice stu mare pe’ me!… Dimme: stanotte si’ tutta d”a mia? Ll’uocchie tuoje belle mme diceno […]

Chiove

(Libero Bovio 1923) Tu staje malata e cante, tu staje murenno e cante… So’ nove juorne, nove, ca chiove…chiove…chiove… E se fa fredda ll’aria, e se fa cupo ‘o cielo, e tu, dint’a stu ggelo, tu sola, cante e muore… Chi si’? Tu si’ ‘a canaria… Chi si’? Tu si’ ll’Ammore… Tu si’ ll’Ammore, ca […]

Guapparia

(Libero Bovio 1914) Scetáteve, guagliune ‘e malavita… ca è ‘ntussecosa assaje ‘sta serenata: Io sóngo ‘o ‘nnammurato ‘e Margarita Ch’è ‘a femmena cchiù bella da ‘Nfrascata! Ll’aggio purtato ‘o capo cuncertino, po sfizio ‘e mme fá sèntere ‘e cantá… Mm’aggio bevuto nu bicchiere ‘e vino pecché, stanotte, ‘a voglio ‘ntussecá… Scetáteve guagliune ‘e malavita!… E’ […]

'O Paese d''o sole

(Libero Bovio 1934) Ogge stó’ tanto allero ca, quase quase, mme mettesse a chiagnere pe’ ‘sta felicitá… Ma è overo o nun è overo ca só’ turnato a Napule? Ma è overo ca stó’ ccá? ‘O treno steva ancora ‘int”a stazione quanno aggio ‘ntiso ‘e primme manduline… Chist’è ‘o paese d”o sole, chist’è ‘o paese […]

Tu ca nun chiagne

(Libero Bovio 1915) Comm’è bella ‘a muntagna stanotte… bella accussí, nun ll’aggio vista maje! N’ánema pare, rassignata e stanca, sott”a cuperta ‘e chesta luna janca… Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje, tu, stanotte, addó staje? Voglio a te! Voglio a te! Chist’uocchie te vonno, n’ata vota, vedé! Comm’è calma ‘a muntagna stanotte… cchiù […]

Tre monumenti della canzone napoletana

Una foto straordinaria! Da sinistra verso destra: Ferdinando Russo, Salvatore Di Giacomo e Libero Bovio. Tre grandi poeti. Tre monumenti della canzone classica napoletana.

Passione

(Libero Bovio 1934) Cchiù luntana mme staje, cchiù vicina te sento… Chisá a chistu mumento tu a che pienze…che faje!… Tu mm’hê miso ‘int”e vvéne, nu veleno ch’è doce… Comme pesa ‘sta croce ca trascino pe’ te!… Te voglio…te penzo…te chiammo… te veco…te sento…te sonno… E’ n’anno, – ce pienze ch’è n’anno – ca st’uocchie […]

Reginella, una sciantosa napoletana

Tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento ebbero grande successo anche in Italia i chafè-chantan, locali dove si eseguivano spettacoli di arte varia, durante i quali si poteva mangiare e bere seduti a un tavolo. I cafè-chantan nacquero in Francia alla fine del XVIII secolo. In Italia il primo di questi locali venne aperto […]

Reginella

(Libero Bovio 1917) Te si’ fatta na vesta scullata, nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose… stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose e parlave francese…è accussí? Fuje ll’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata fuje ll’autriere a Tuleto, ‘gnorsí… T’aggio vuluto bene a te! Tu mm’hê vuluto bene a me! Mo nun ce amammo cchiù, ma […]