Tarantelluccia.it

E.A. Mario

E. A. Mario (05/05/1884 – 24/06/1961), autore straordinariamente prolifico; scrisse infatti circa duemila canzoni. Considerato uno dei massimi esponenti della canzone napoletana del primo novecento. Tantissime sono le canzoni scritte in napoletano di successo: Maggio si tu!, Io na chitarra, ‘a luna, Funtana all’ombra, Tammurriata nera e tante altre.

L'epoca d'oro della canzone napoletana

La Belle Epoque e l’epoca d’oro della canzone napoletana Tra la fine dell’ottocento e l’inizio della prima guerra mondiale l’Europa vive un periodo straordinario: la Belle Époque (l’epoca bella). È innanzitutto un periodo di pace: finalmente nel vecchio continente non ci sono più guerre fratricide. È poi un periodo di grande splendore per l’arte e […]

E.A. Mario con Eduardo

Eduardo De Filippo il poeta con Giovanni Gaeta (Napoli, 5 maggio 1884 – Napoli, 24 giugno 1961) in arte E.A. Mario. E’ stato uno dei grandi esponenti della canzone napoletana. Ha scritto più di 2.000 canzoni molte delle quali da lui stesso musicate.

Maggio si' tu!

(E. A. Mario 1912) Maggio si’ tu! ca st’aria doce vaje prufumanno… Quanta canzone faje cantá a doje voce! Quanta suspire io manno! Mme faje murmuliá tutt”e ccanzone amate pecché tu viene e dice: “‘E ‘nnammurate hann”a cantá!” Hann”a cantá… ca pure Ammore passa e nun more! E chi ha vuluto bene, se sente, dint”e […]

Canzoni napoletane ispirate al mese di Maggio: le cinque più belle

Maggio, si sa, è il mese delle rose e dell’amore, dei baci appassionati e dei matrimoni. Sarà per la dolcezza del clima, per le giornate che si allungano o per il profumo inebriante dei fiori, ma a Maggio c’è in ognuno di noi un rigoglioso risveglio di sensi che sembravano ormai assopiti dai cupi mesi […]

‘O Vascio

Da sempre simbolo di degrado ed arretratezza, stereotipo della Napoli più povera, i bassi hanno sempre suscitato nei napoletani e non i sentimenti più disparati: rabbia, disgusto, indignazione, ma anche stupore, curiosità e simpatia. Molti scrittori, giornalisti e intellettuali hanno scritto sui bassi di Napoli. Nel suo capolavoro Il ventre di Napoli, Matilde Serao ne […]