Tarantelluccia.it

Canzoni antiche napoletane

Testi, autori, storie e aneddoti delle più belle canzoni antiche napoletane, frutto della produzione popolare partenopea tra il 1200 e il 1880.

Fenesta ca lucive: l’amore e la morte

Quando penso a “Fenesta ca lucive” mi vengono in mente i mie nonni materni: Luigino e Nanninella. Si conobbero giovanissimi. Lui aveva venti anni, lei solo sedici. Sono rimasti insieme per ben sessantacinque anni, fino a quando Luigino è morto per un male incurabile. Ricordo ancora l’ultimo desiderio che espresse poco prima di andarsene: collocare […]

Ciccuzza

(Anonimo, 1874) E Ciccuzza e la patruzza, mangia e beva e fa ‘e selluzze se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo E Ciccuzza e la matruzza, mangia e beva e fa ‘e selluzze se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo Ah, laralilà dinto ‘a sacca nun fanno rummore e Ciccuzza d”a mamma soja e contame […]

Comme da lo molino

(Anonimo, ispirata ad un’opera di Niccolò Piccinni 1766) Comme da lo molino lo grano se frantuma stu core se consuma fatella mia pe te stu core se consuma fatella mia pe te fatella mia pe te fatella mia pe te … stu core se consuma fatella mia pe te fatella mia pe te fatella mia […]

L'enigma Michelemmà: una ragazza, una carta da gioco o un arcangelo?

In questo articolo vi voglio parlare di Michelemmà: un’antica canzone napoletana, risalente presumibilmente al XVII secolo, che la tradizione attribuisce al famoso pittore napoletano Salvator Rosa. Senza dubbio la più importante e nota del 600′ rappresenta uno dei primissimi esempi di canzone napoletana scritta su ritmo di tarantella. Per questo è da considerarsi una tappa […]

Jesce Sole (Testo)

(Anonimo XIII sec.) Jesce sole, jesce sole nun te fa’ cchiù suspirà! Siente mai ca le ffigliuole hanno tanto da prià… Per i non napoletani jesce = esci ffigliuole = ragazze, giovani donne prià = pregare

Il canto delle lavandaie del Vomero

(Anonimo XIII sec.) Tu m’aje prommiso quatto moccatora oje moccatora, oje moccatora! io so’ benuto se, io so’ benuto se me lo vuo’ dare, me lo vuo’ dare! E si no quatto embe’, dammenne ddoje oje moccatora, oje moccatora chillo ch’è ‘ncuollo a tte nn’e’ rroba toja me lo vuo’ dare me lo vuo’ dare. […]

La cammesella

(Luigi Stellato – Francesco Melber 1875) Lui: E levate lu mantesino! Lei: Lu mantesino, gnornò, gnornò! Lui: Si nun te lo vuò levà, Me soso e me ne vaco da ccà! Lei: E tèh, me ll’aggio levato, Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuò! Lui: Sia benedetta mammeta Quanno te mmaritò! Lui: Sia benedetta mammema Quanno […]

Canzoni napoletane antiche

Cosa s’intende per canzoni napoletane antiche ? Molti, sbagliando, fanno riferimento a quelle famose scritte nell’epoca d’oro a cavallo tra l”800 e il ‘900: ‘O sole mio, ‘O surdato nnammurato, I te vurria vasà, etc… Se non addirittura a quelle successive che hanno caratterizzato i Festival di Napoli dal dopoguerra alla fine degli anni sessanta. […]

Palummella zompa e vola

(Anonimo, ispirata ad un’opera di Niccolò Piccinni 1766) Palummella zompa e vola addó sta nennélla mia… Non fermarte pe’ la via vola, zompa a chella llá… Co’ li scelle, la saluta… falle festa, falle festa attuorno attuorno… e ll’hê ‘a dí ca, notte e ghiuorno, io stó’ sempe, io stó’ sempe a sospirá… Palummella, vola […]

T'aggia fa 'na mmasciata Filumè

(E. Del Preite 1863) T’aggia fa ‘na mmasciata, Filumè, vien’ ‘a ccà, vien’ ‘a ccà. ‘Mpietto nun me la pozzo cchiù tenè comme và, comme và? Pecchè rossa te faje, mena mò, vuò sentì, vuò sentì? Ca mammete strillare nun te pò nun fuì, nun fuì! Nu poco la manella vuò pusà ‘mpiett’ ‘a mme, […]

Fenesta Vascia

(Anonimo ‘500 – Testo rielaborato da Giulio Genoino nel 1828) Fenesta vascia ‘e padrona crudele, quanta suspire mm’haje fatto jettare!… Mm’arde stu core, comm’a na cannela, bella, quanno te sento annommenare! Oje piglia la ‘sperienza de la neve! La neve è fredda e se fa maniare… e tu comme si’ tanta aspra e crudele?! Muorto […]

Lo primm' ammore

(Luciano Faraone 1846) Nennè, sta vota sienteme, no mme lassà speruto, apposta so’ benuto pe’ tè putè parlà! E t’aggia dì stu riepeto nzegnato da su core: è caro u primm’ ammore e no nse pò scurdà! Tengo sempe a memoria quann’era guagliunciello, da chillu fenestiello currevano a parlà. Facevamo a nasconnere cu tutte i […]

So’ le sorbe e le nespole amare

(Leonardo Vinci 1719) So’ le sorbe e le nespole amare, So’ le sorbe e le nespole amare, ma lo tiempo le fa maturare e chi aspetta se ll’adda magnà, se ll’adda magna’, se l’adda magnà, se ll’adda magna’, se l’adda magnà, So’ le sorbe e le nespole amare , ma lo tiempo le fa maturare […]

Michelemmá

(Salvator Rosa ‘600) I E’ nata ‘mmiez’ô mare, Michelemmá, Michelemmá… E’ nata ‘mmiez’ô mare, Michelemmá, Michelemmá… oje na scarola oje na scarola oje na scarola oje na scarola II Li turche se nce vanno, Michelemmá, Michelemmá… Li turche se nce vanno, Michelemmá, Michelemmá… a reposare a reposare a reposare a reposare III Chi pe’ la […]

Cicerenella

(Anonimo ‘700) Cicerenella mia, si’ bona e bella! Cicerenella tenéa nu ciardino e ll’adacquava cu ll’acqua e lu vino… Ma ll’adacquava po’ senza langella… Chist’è ‘o ciardino de Cicerenella… Cicerenella teneva na gatta ch’era cecata e purzí scontraffatta… La strascenava cu meza codella… Chest’è la gatta de Cicerenella… Cicerenella teneva nu gallo e tutta la […]

Lu cardillo

(Anonimo ‘700 – Trascrizione di Ernesto Del Preite 1849 ?) Sto crescenno nu bello cardillo Quanta cose che l’aggio ‘mpara’ Adda ire da chisto e da chillo Ll’immasciate po’ m’adda purta’ Siente cca’ bello mio lloco ‘nnanze c’e’ na casa ‘na nenna ‘nc’e’ stà tu la vide ca nun è distante chella nenna aje da […]

La Rosa

(Marco d’Arienzo 1848) Nennì, nennì, vattenne! No’ sta cchiù a suspirà! Sta rosa ca pretienne manco la può guardà! Cercame tu no squaso, no squaso te lo dò: nennì, porzì no vaso… Ma chesta rosa, no! Nennì Vattenne, vattenne, no sta chiù a sospirà Nennì,Nennì no …no sta chiù a sospirà Te pare no portiento […]

Fenesta ca lucive

(Anonimo, pubblicato nel 1854) Fenesta ca lucive e mo nun luce… sign’è ca nénna mia stace malata… S’affaccia la surella e mme lu dice: Nennélla toja è morta e s’è atterrata… Chiagneva sempe ca durmeva sola, mo dorme co’ li muorte accompagnata… Va’ dint”a cchiesa, e scuopre lu tavuto: vide nennélla toja comm’è tornata… Da […]

La Tarantella

(Florimo 1835) Jammo a bedere ‘nterr’a la rena mentre ca spánfia la luna chiena, ch’è notte e pare fosse matina… li piscature de Margellina, ca te cumbinano, friccicarella, la tarantella, la tarantella… Ca te cumbinano, friccicarella, la tarantella, la tarantella…. E tiritùppete – ttùppete – ttùppete ttùppete – ttùppete – ttùppete – ttù… e tiritùppete […]

Villanella ch'all'acqua vai

(Giovanni Leonardo dell’Arpa – 1560 ca.) Villanella ch’all’acqua vai moro pe’ tte e tu nun lu sai Ahimmè, ahimmè! Ch’io moro mirando a te! Quanno vai cu la lancella pari riggina e nun villanella Ahimmè, ahimmè! Ch’io moro mirando a te! Non m’importa d’essere nato ‘mmiezze ‘a nu bosco o aggrazziato… Ahimmè, ahimmè! Ch’io moro […]

Te voglio bene assaje

(Raffaele Sacco 1835) Pecché quanno mme vide, te ‘ngrife comm’a gatto? Nenné’, che t’aggio fatto, ca nun mme puó’ vedé?! Io t’aggio amato tanto… Si t’amo tu lo ssaje! Io te voglio bene assaje… e tu non pienze a me! La notte tutti dormono, ma io che vuó’ durmire?! Penzanno a nénna mia, mme sento […]

Lo Guarracino

Oggi è domenica 23 Ottobre e questo è il primo post che scrivo per su questo Blog. Per l’occasione ho scelto di parlarvi di una canzone molto particolare: Lo Guarracino; dal cui titolo – tra l’altro – ho preso spunto per il mio nickname (o pseudonimo che dir si voglia). Questa è una di quelle […]

Lo Guarracino

(Anonimo ‘700) Lo Guarracino che jeva pe mare le venne voglia de le ‘nzorare, se facette no bello vestito de scarde de spine pulito pulito cu na perucca tutta ‘ngrifata de ziarelle ‘mbrasciolata, co lo sciabò, scolla e puzine de ponte angrese fine fine. Cu li cazune de rezze de funno, scarpe e cazette de […]