Tarantelluccia.it

Aniello Califano

Aniello Califano (19/01/1870 – 20/02/1919). Poeta. Ha scritto i testi di numerose canzoni napoletane. La più famosa delle quali resta sicuramente ‘O surdato ‘nnammurato.

Serenata a Surriento

(Aniello Califano 1907) Surriento gentile, suspiro d’ammore, delizia ‘e stu core, tu si’ nu buchè… Cu ‘addore ‘e sti sciure, cu ‘e vase ‘e stu mare, ‘e ccose cchiù care farrisse scurdá! Surriento! Surriento! Só’ fatte pe’ ‘ncantá stu cielo, sti ciardine, chest’aria, sti mmarine… Surriento! Surriento! só’ fatte pe’ ‘ncantá stu cielo, sti ciardine, […]

L'epoca d'oro della canzone napoletana

La Belle Epoque e l’epoca d’oro della canzone napoletana Tra la fine dell’ottocento e l’inizio della prima guerra mondiale l’Europa vive un periodo straordinario: la Belle Époque (l’epoca bella). È innanzitutto un periodo di pace: finalmente nel vecchio continente non ci sono più guerre fratricide. È poi un periodo di grande splendore per l’arte e […]

Tiempe belle

(Aniello Califano 1916) Tu mme vuó’ fà capì ca si’ cuntenta. I’ voglio fà vedé ca so’ felice. Ma ‘a verità nisciuno ‘e nuje nun dice. Sti core nuoste avesser’ ‘a parlà. Tiempe belle e na vota, tiempe belle addó’ state? Vuje nce avite lassate, ma pecché nun turnate? Tiempe belle e na vota, tiempe […]

La canzone napoletana umoristica nell'opera di Roberto Murolo

Oltre ad essere stato un grande interprete, Roberto Murolo si è dimostrato anche un prezioso studioso della canzone napoletana. Tanto che, come ho già avuto modo di osservare in un precedente articolo, uno dei suoi più grandi meriti è stato quello di realizzare L’Antologia cronologica della canzone partenopea. Dodici album dove l’artista canta voce e […]

Niní Tirabusciò

(Aniello Califano 1911) Chillu turzo ‘e mio marito nun se pò cchiù suppurtá! Ll’aggi”a cósere ‘o vestito: Mm’aggi”a mettere a cantá! Tutto è pronto! Stó’ aspettanno na scrittura p”a firmá: Nun appena che mm”a danno, vaco fore a debuttá! Ho scelto un nome eccentrico: Niní Tirabusciò Oh! Oh! Oh! Oh! Oh! Oh! Addio mia bella […]

'O surdato 'nnammurato: un messaggio di pace e speranza

Qualcuno ha definito la guerra come “il massacro di persone che non si conoscono, per conto di persone che invece si conoscono ma non si massacrano”. Forse non c’è definizione più appropriata. Leggendo la storia, mi rendo conto che essa è – purtroppo – una lunga ed ininterrotta serie di questi massacri. E mi chiedo […]