Tarantelluccia.it

Pusilleco addiruso

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 4 novembre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Ernesto Murolo 1904)

Ernesto Murolo, autore del testo di Pusilleco addiruso

‘Ncoppo ‘o Capo ‘e Pusilleco addiruso,
addó’ stu core se n’è ghiuto ‘e casa,
ce sta nu pergulato d’uva rosa…
e nu barcone cu ‘e mellune appise.
…’Ncoppo Capo ‘e Pusìlleco addiruso.

E nu canario, canta ‘na canzone
‘a dint’a na cajola, appesa fore…
E ll’èllera, s’attacca a stu barcone,
comme nce s’è attaccato chistu core…

Quanno ‘o sole po monte se n’è sciso,
chest’aria fresca se fa cchiù addirosa,
e torna da ‘a fatica Angelarosa,
cu ‘o fascio ‘e ll’erba aret’ê spalle appiso…
…Quanno ‘o sole po monte se n’è sciso!

Stámmoce attiente a ‘o segno cunvenuto:
– Barcone apierto: Ce sta ancora ‘o frato
– Perziana scesa: ‘O frato se n’è asciuto…
e ‘appuntamento è sotto ‘o pergulato!…

Per i non napoletani

  • ‘ncoppo = su, sopra
  • Pusilleco = Posillipo (borgo residenziale collinare di Napoli)
  • addiruso = odoroso
  • addó’ = dove
  • se n’è ghiuto ‘e casa = è andato ad abitare
  • pergulato = pergolato
  • barcone = balcone
  • cajola = gabbietta
  • èllera = edera
  • aret’ê = dietro
  • frato = fratello
  • asciuto = uscito

Argomenti trattati , ,