Tarantelluccia.it

Palomma ‘e notte

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 20 luglio, 2012
Autore: Lo Guarracino

(Salvatore Di Giacomo 1906)

Salvatore Di  Giacomo, autore del testo di Palomma ‘e notte

Tiene mente ‘sta palomma,
comme gira, comm’avota,
comme torna n’ata vota
sta ceròggena a tentá!
Palummè’ chist’è nu lume,
nun è rosa o giesummino…
e tu, a forza, ccá vicino
te vuó’ mettere a vulá!…

Vatténn”a lloco!
Vatténne, pazzarella!
va’, palummella e torna,
e torna a st’aria
accussí fresca e bella!…
‘O bbi’ ca i’ pure
mm’abbaglio chianu chiano,
e che mm’abbrucio ‘a mano
pe’ te ne vulé cacciá?…

Carulí’, pe’ nu capriccio,
tu vuó’ fá scuntento a n’ato…
e po’ quanno ll’hê lassato,
tu, addu n’ato vuó’ vulá…
Troppi core staje strignenno
cu sti mmane piccerelle;
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te puó’ abbruciá!

Vatténn”a lloco!
Vatténne, pazzarella!
va’, palummella e torna,
e torna a st’aria
accussí fresca e bella!…
‘O bbi’ ca i’ pure
mm’abbaglio chianu chiano,
e che mm’abbrucio ‘a mano
pe’ te ne vulé cacciá?…

Torna, va’, palomma ‘e notte,
dint’a ll’ombra addó’ si’ nata…
torna a st’aria ‘mbarzamata
ca te sape cunzulá…
Dint”o scuro e pe’ me sulo
‘sta cannela arde e se struje…
ma ch’ardesse a tutt’e duje,
nun ‘o ppòzzo suppurtá!

Vatténn”a lloco!
Vatténne, pazzarella!
va’, palummella e torna,
e torna a st’aria
accussí fresca e bella!…
‘O bbi’ ca i’ pure
mm’abbaglio chianu chiano,
e che mm’abbrucio ‘a mano
pe’ te ne vulé cacciá?…

Per i non napoletani

  • palomma ‘e notte = farfalla notturna, che viene di notte
  • tiene mente = guarda un po’!
  • ceròggena = candela
  • giesummino = gelsomino
  • ‘o bbi’ ca i’ pure = lo vedi che io pure
  • struje = strugge

Argomenti trattati ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

3 Responses to “Palomma ‘e notte”

  1. maris scrive:

    Quante serate in spiaggia in vacanza o a casa nostra per una festa di compleanno sono finite con mio fratello che suonava la chitarra e un mio zio che cantava Palomma ‘e notte con un acuto finale assolutamente fuori luogo e per questo ancor più simpatico?
    Che ricordi…
    :)

  2. Giovanni R scrive:

    Questa e’ una canzone degna di qualsiasi tenore di gan nome, non mi spiego come non se ne abbiano appoderato come hanno fatt con altre canzoni come “O sole mio” e “Torna a Sorrento”.

  3. Varriale Rosario scrive:

    Grazie per questi versi che sentivi cantare da mia nonna e non li ricordavo più: Sono un ammiratore della poesia di Di Giacomo. se mi permette dovrebbe aggiungere qualche altra villanella del cinquecento: Si te credisse dareme martiello, Viuntitrè li fronne, Sia maledetta l’acqua stammatina, Vulumbrella, Si li femmene purtassero li spade, Villanella ch’all’acqua vaje

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>