Tarantelluccia.it

Raffaele Sacco

Categoria: Fotografie d'epoca
Data inserimento: 9 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino
Raffaele Sacco

L’uomo nella foto è Raffaele Sacco, il poeta della canzone Te voglio bene assaje. La canzone, scritta nel 1835, diede un impulso decisivo alla tradizione canora della festa di Piedigrotta. Raffaele Sacco di professione faceva l’ottico.

‘O cunto ‘e Masaniello

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 9 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘700)

A lu tiempo de la malora
Masaniello è ‘nu piscatore,
piscatore nun le rincresce
Masaniello se magna ‘nu pesce.
Vene subbeto ‘o Vicerrè
chistu pesce spett”a mme
tutt”a mme e niente a tte
po’ si ‘a tassa vuo’ pava’,
chistu pesce t”o può ‘mpigna’…
A lu tiempo de la malora
Masaniello è ‘nu piscatore.

A lu tiempo de trivule ‘mpizze
Masaniello se veste ‘a scugnizzo,
‘nu scugnizzo stracciato e fetente,
Masaniello se magna ‘e semmente.
Vene subbeto ‘o Vicerrè
‘sta semmenta spett’a mme
tutt’a mme e niente a tte
cu ‘a semmenta tu te ‘ngrasse,
e t”a metto n’ata tassa…
A lu tiempo de trivule ‘mpizze
Masaniello se veste ‘a scugnizzo…

A lu tiempo de li turmiente
Masaniello se veste ‘a fuiente.
Senza rezza e senza cchiù varca,
fa ‘nu vuto a’ Maronna ‘e ll’Arco..
Vene ‘o prevete e ‘o Vicerrè
‘sta Maronna spett’a mme
tutt’a mme e niente a tte,
chesta è a tassa p”o Pataterno,
o vai subbeto all’inferno..
A lu tiempo de li turmiente
Masaniello se veste a fuiente.

A lu tiempo d”a disperazione
Masaniello se veste ‘a lione
‘nu lione cu ll’ogne e cu ‘e riente,
tene ‘a famma e tutt”e pezziente.
Vicerrè mò fete ‘o ccisto
songo ‘o peggio cammurrista,
io me songo fatto ‘nzisto,
e cu ‘a ‘nziria ‘e Masaniello
faje marenna a sarachiello…
A lu tiempo d”a disperazione
Masaniello se veste ‘a lione.

A lu tiempo de’ primmavera
Masaniello se veste ‘a bannera.
‘Na bannera ca ‘o popolo bascio
sona arreto tammorra e grancascia.
Attenzione… battaglione
s’è sparato ‘nu cannone,
è asciuto pazzo lu patrone,
ogge ‘nce ha avasciato ‘o ppane
ma nun saje fino a dimmane…
A lu tiempo de’ primmavera
Masaniello se veste ‘a bannera.

A lu tiempo de’ trarimiento
Masaniello ‘o vestono ‘argiento,
tutt’argiento ‘e signure cumpite
mò ce ‘o coseno ‘stu vestito.
Dice subbeto ‘o Vicerrè
simmo eguale io e te
pazziammo cucù e settè,
si rispunne a chist’invito,
t’aggia cosere n’atu vestito…
A lu tiempo de’ trarimiento
Masaniello ‘o vestono ‘argiento.

A lu tiempo de’ li ‘ntrallazze
Masaniello è bestuto da pazzo.
Quanno tremma e ‘o vestito se straccia,
pure ‘o popolo ‘o sputa ‘nfaccia
‘Stu vestito fa appaura
Masaniello se spoglia annuro,
‘a Maronna nun se ne cura
po’ si ‘a capa ‘nterra ce lassa
accussì pava ll’urdema tassa.
A lu tiempo de’ li ‘ntrallaze
Masaniello è bestuto da pazzo.

A lu tiempo de ‘sti gabelle
Masaniello è Pulicenella.
Si è rimasto cu ‘a capa a rinto
ll’ate ridono areto ‘e quinte.
Po’ s’aumenta ‘o ppane e ll’uoglio
saglie ‘ncoppa n’atu ‘mbruoglio
tira ‘o popolo ca ce cuoglie,
nun ce appizza mai la pelle
chi cummanna ‘sti guarattelle.
A lu tiempo de ‘sti gabelle
Masaniello è Pulicenella

A lu tiempo de’ chisti scunfuorte
Masaniello è bestuto da muorto.
Dint”a nicchia ‘na capa cu ll’ossa
nce ha lassato ‘na coppola rossa.
Chesta coppola dà ‘na voce,
quanno ‘a famme nun è doce,
quann”o popolo resta ‘ncroce,
quanno pave ‘stu tributo
pure ‘a tassa ‘ncopp”o tavuto.
A lu tiempo de chisti scunfuorte
Masaniello è bestuto da muorto.
Masaniello s”o credono muorto…

Per i non napoletani

  • semmente = semi
  • bannera = bandiera
  • fuiente = battente (figura tipica della devozione religiosa campana)
  • coseno = cuciono
  • ‘ntrallazze = imbrogli, sotterfugi
  • appizza = rimette, perde
  • guarattelle = teatrino (in senso figurato)
  • tavuto = bara

Via Toledo – Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Categoria: Luoghi storici della canzone napoletana
Data inserimento: 31 luglio, 2017
Autore: Lo Guarracino

Via Toledo: viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Con questo articolo nasce una nuova rubrica: Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana. Ho deciso infatti di girare una serie di video in omaggio ai luoghi che hanno reso celebre la canzone napoletana classica: un’occasione per conoscere la storia di strade, piazze, palazzi, monumenti, teatri legati a canzoni napoletane famose.

Come prima tappa di questo viaggio emozionante ed affascinante ho scelto di girare un video sulla bellissima Via Toledo, una strada che nel corso degli anni ha ispirato tanti artisti. Situata tra il centro più antico della città ed i famosi quartieri spagnoli, Via Toledo è stata per anni una tappa imprescindibile del Grand Tour: il percorso lungo le principali capitali europee che i giovani aristocratici facevano per arricchire il loro bagaglio culturale.

Via Toledo, che fu voluta dal viceré spagnolo Pedro Alvarez de Toledo nel 1536, è ancora oggi è l’arteria principale della città, sempre brulicante di vita con tanti turisti da tutto il mondo che ogni giorno la prendono d’assalto. E non potrebbe essere altrimenti: via Toledo è una strada ricca di storia, lungo di essa non mancano antichi palazzi legati ad importanti eventi storici: come il palazzo Doria D’Angri, palazzo Barbaja e palazzo Cirella. E poi c’è la straordinaria galleria Umberto.

Ovviamente, questo video su via Toledo è soprattutto un’occasione per ricordare i poeti che l’hanno immortalata nei versi nelle loro canzoni: tra queste la più famosa resta senza Reginella scritta nel 1917 da Libero Bovio e musicata dal Maestro Gaetano Lama. Buona visione.

Le canzoni napoletane incise da Enrico Caruso

Categoria: Contenuti speciali
Data inserimento: 19 luglio, 2016
Autore: Lo Guarracino

Agli albori della discografia

Enrico CarusoEnrico Caruso può essere senza dubbio considerato uno dei pionieri della discografia mondiale, il primo grande artista lirico ad incidere la sua voce su disco. Nel 1902 quella nuova tecnologia era ormai matura per prendere il posto della più vecchia a cilindro. Quello stesso anno, dietro un compenso di cento sterline, in una camera dell’Hotel Spatz di Milano improvvisata a studio di registrazione, Caruso incise dieci arie sfruttando quel nuovo sistema che garantiva una maggiore durata ed una migliore qualità sonora. Fu un grande successo che contribuì ancor di più a renderlo famoso in tutto il mondo. L’innovazione fece scalpore. Il grammofono prese il posto del vecchio fonografo e tanti artisti lirici che fino a quel momento si erano rifiutati registrare la propria voce capirono che una nuova epoca si stava aprendo.

La canzone napoletana: la scommessa vinta da Enrico Caruso

Sette anni più tardi Caruso ebbe un’altra grande intuizione: incidere delle canzoni napoletane. In realtà non era la prima volta che un cantante lirico registrava delle “canzonette” (così venivano etichettate le canzoni per distinguerle dalle opere liriche). Già nel 1899, infatti, il tenore italiano naturalizzato statunitense Ferruccio Giannini aveva inciso a New York tre canzoni napoletane: Funiculì Funiculà, Santa Lucia e Mariannina. Enrico Caruso era però uno dei tenori più famosi del mondo, all’apice della sua carriera, con un pubblico abituato ad ascoltarlo nel suo repertorio classico nei teatri lirici più prestigiosi. Quel passo non era per niente scontato. Non mi è difficile però immaginare con quanta convinzione ed orgoglio dovette compiere quello storico gesto che fece entrare la tradizione musicale della sua amata Napoli dalla porta principale del palcoscenico mondiale!

Nell’arco di una decina d’anni Caruso incise in tutto ventidue canzoni napoletane con un percorso tutt’altro che scontato. Scelse sì anche classici, come ‘O sole mio e Santa Lucia, ma soprattutto puntò su canzoni nuove scritte per la maggior parte in America da poeti e musicisti italiani emigrati oltreoceano. E non ebbe che l’imbarazzo della scelta con quelle nutrite schiere di poeti e musicisti che, tra Napoli e New York, facevano a gara per offrirgli composizioni scritte apposta per lui.

Le registrazioni, effettuate nei Victor’s studio a New York e a Camden (una cittdina del New Jersey), furono dirette dal 1909 al 19169 dal Maestro Walter B. Rogers e dal 1917 al 1920 dal Maestro J. Pasternakdal.

Cronologia delle incisioni tra nomi illustri e storie di emigrazione

La prima canzone napoletana che Caruso incise su disco è la semisconosciuta Mamma mia che vo’ sape’?!, scritta quello stesso anno, il 1909, da Ferdinando Russo con la musica di Emanuele Nutile. Il testo parla di un uomo che nasconde le sue pene d’amore alla madre per non darle preoccupazioni:

Mamma mia mme vène appriesso,
cu na faccia ‘e cera fina,
e mme guarda e nn’andivina
chesta freva mia ched è!

un tema simile sarà ripreso molti anni dopo, nel 1946, nella canzone Vierno scritta da Armando De Gregorio e Vincenzo Acampora.

Due anni più tardi Enrico Caruso lanciò Core ‘ngrato facendone un successo mondiale grazie ad una interpretazione magistrale. La canzone era stata scritta da due emigranti italiani: Riccardo Cordiferro e Salvatore Cardillo. Per certi versi resta questa la canzone napoletana più rappresentativa di Caruso. Pare che l’autore, poeta, scrittore nonché fondatore del settimanale letterario La Follia, compose quei versi ispirandosi proprio alle vicende amorose del tenore napoletano con l’ex moglie Ada Giachetti.

Sempre nel 1911 Caruso incise Canta pe’ me!, scritta da Libero Bovio ed Ernesto De Curtis, due mostri sacri della canzone napoletana.

Edoardo MigliaccioNel 1912 fu la volta di Tarantella sincera, una canzone napoletana scritta da Edoardo Migliaccio, in arte Farfariello. Nato a Cava de’ Tirreni nel 1880 si trasferì in America dove divenne un mito tra gli italo-americani interpretando irriverenti macchiette napoletane. La canzone, solo in apparenza leggera, descrive in maniera ironica le condizioni di vita delle donne italiane emigrate negli USA in un periodo nel quale in California ed in altri stati dell’est le donne americane conquistavano, seppur faticosamente, il diritto di voto tramite un referendum

‘Na figliola ca sapesse fa ‘a cazetta sulamente
e l’amore po’ ll’avesse canusciuto ‘nmano a mme.

La canzone fu musicata Vincenzo De Crescenzo, anche lui emigrato in America e da non confondere con l’omonimo autore di Luna Rossa (1915-1987).

Solo nel 1913 Caruso incise, per la prima volta, un classico del repertorio napoletano: Fenesta che lucive. È la canzone che la leggenda fa risalire alla storia della Baronessa di Carini (1563) e la cui musica viene attribuita a Vincenzo Bellini. Quello stesso giorno incise anche Guardanno ‘a Luna, una canzone pubblicata nel 1904 e che per certi versi può essere considerata un ibrido poiché fu scritta per metà in America, da tale Gennaro Camerlingo, e per metà in Italia da Vincenzo De Crescenzo (che l’anno dopo si sarebbe trasferito anche lui oltreoceano).

Nel 1914 Caruso incise di nuovo una canzone scritta da Ferdinando Russo. Si tratta di Manella mia, musicata questa volta dal Maestro Vincenzo Valente.

L’anno successivo, nel 1915, le incisioni furono tre: Pecché, di C. De Flavis e G.E. Pennino, Cielo turchino, scritta da G. Capaldo (il poeta di Comme facette mammeta e ‘A tazza ‘e cafè) e musicata da M. Ciociano, e ‘A luna di Vardelli (incisione inedita).

Finalmente nel 1916 (per l’esattezza il 5 Febbraio) arrivò il turno della canzone napoletana per eccellenza: ‘O sole mio. In realtà, è più corretto dire che sarebbe ancor di più diventata la canzone napoletana per eccellenza proprio grazie a quella incisione. Sarà un successo planetario. Un momento storico della canzone napoletana, ma più in generale della discografia mondiale. Con questa incisione Enrico Caruso arriverà nelle case degli appassionati di tutto il mondo e con lui la canzone napoletana.

Il mese successivo altre due canzoni: Tiempo antico, scritta dallo stesso Caruso e dal forte sapore autobiografico

Era lu tiempo antico
comm’era o Paraviso,
ca sempe benedico,
li bracce m’apparive, ‘mpietto m’astrignive.
Chine de passione currevo ‘mbraccio a tte.

e la famosissima Santa Lucia, scritta nel 1848 dal poeta e giornalista Enrico Cossovich e musicata dal compositore e grande editore di origini francesi Teodoro Cottrau.

Nel 1917 è la volta di Uocchie celeste, una canzone nata in Italia dalla penna di Armando Gill e musicata in America da V. De Crescenzo.

L’anno dopo un altro classico della canzone napoletana che però sarà pubblicato come inedito solo molti anni dopo. Si tratta di Maria Marì, il capolavoro di Vincenzo Russo ed Eduardo di Capua; .

Enrico_Caruso_studia_con_Salvatore_FucitoNel 1919 sono addirittura sei le incisioni. La prima porta la firma di quello stesso Riccardo Cordiferro che aveva scritto Core ‘ngrato. La canzone si intitola Sultanto a tte ed è musicata da Savatore Fucito; un altro italiano emigrato in America, spesso pianista accompagnatore di Caruso nonché suo segretario personale. Le altre cinque, che Caruso incise nell’arco di una settimana, sono: la sublime Tu ca nun chiagne (1915) di L. Bovio ed E. De Curtis, ‘A vucchella (1903), scritta da Gabriele D’Annunzio per una scommessa con il maestro Francesco Paolo Tosti, Addio a Napoli (1868) di Teodoro Cottrau, Senza nisciuno (1915) di A. Barbieri ed E. De Curtis e Scordame di Manente e Salvatore Fucito.

A poco meno di un anno dalla sua morte, il 14 Settembre 1920 , l’ultima incisione: I’ m’arricordo ‘e Napule (1920) di P.L. Esposito e J. Gioe’ che ironia della sorte scriveranno poco più tardi Caruso miez’a li angeli per commemorare la scomparsa del grande artista.