Tarantelluccia.it

'O cunto 'e Mariarosa

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 18 novembre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Ernesto Murolo 1932)

Ernesto Murolo, autore del testo di 'O cunto 'e Mariarosa

Figliole d’Antignano, bona gè’,
‘o cunto ‘e Mariarosa è chistu ccà.
Si have ragione e dámmole ragione,
e si have tuorto e dámmole ragione,
ca sempe have ragione chi vò’ bene.
Sole d’austo, nèh.
Sole d’austo, nèh.

Dicette ‘a mamma:
“Figlia, arrassusìa,
attienta a te mo ch’è venuta Está,
‘o sole coce e ‘ncapa puó’ piglià
na malatia.
Va’ pe’ sotto ‘e ffresche frasche,
chisto è ‘o ‘mbrello e ‘o sciosciamosche,
nun te sperdere ‘int’ ‘o bosco,
taglia ll’erba e torna ccà”.

Bona gè’,
sentite appriesso ‘o fatto comme va,
comme va,
comme va.

Figliole d’Antignano, bona gè’,
‘o cunto ‘e Mariarosa è chistu ccà.
Sunava già p’ ‘a via quacche zampogna,
sfrunnate erano ll’arbere ‘ncampagna,
friddo ‘a matina ca spaccava ll’ogne.
Natale e neve, nèh.
Natale e neve, nèh.

Dicette ‘a mamma:
“Figlia, arrassusìa,
attienta a te ca friddo e gelo fa.
Cummògliate si no ce puó’ appezzà
na purmunìa.
Miettatélla, tutt’ ‘e ssere,
na pettiglia a carne annura,
‘nfacci’ ‘ô ffuoco d’ ‘o vrasiere
sotto e ‘ncoppa t’hê ‘a scarfà”.

Bona gè’,
sentite appriesso ‘o fatto comme va,
comme va,
comme va.

Figliole d’ Antignano, bona gè’,
‘o cunto ‘e Mariarosa è chistu ccà.
Dicette ‘a mamma:
“Guàrdate ‘int’ ‘o specchio,
che só’ sti duje canale sott’a ll’uocchie?
Che scuorno hê dato a me, povera vecchia”.
Abbrile, abbrile, oje mà’.
Abbrile, abbrile, oje mà’.

Diciste: “Attient’ô sole figlia mia
ca ‘o sole pò fá male ‘int’a ll’està’
e attienta a te quann’è Natale
e fa friddo p’ ‘a via.
Ma pecché po’, a Primmavera,
nun diciste a chistu core:
statte attiento pe’ ll’ammore
ca, d’abbrile, attuorno va?”

Bona gè’,
‘o fatto ‘e Mariarosa è chistu ccà,
chistu ccà,
chistu ccà.

Per i non napoletani

  • Antignano = un rione di Napoli
  • cunto = racconto
  • bona gè’ = buona gente
  • ‘chistu ccà = questo qua
  • dámmole = diamole
  • Austo= Agosto
  • arrassusìa = che non sia mai!, giammai!
  • coce = scotta
  • ‘ncapa = sul capo
  • ogne = unghie
  • pettiglia = giubbetto da donna
  • carne annura = pelle nuda
  • cummògliate= copriti
  • vrasiere = braciere
  • scarfà = riscaldare
  • Abbrile = Aprile

Argomenti trattati , ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

One Response to “'O cunto 'e Mariarosa”

  1. Antonio scrive:

    Stupenda poesia, prima ancora che splendida canzone, questa “‘O cunto ‘e Mariarosa”. Uno dei vertici di tutta la canzone napoletana, con quella sua tenerezza piena di simpatia commossa. Chissà se tu puoi procurarmene una discografia più o meno completa? Da ragazzo (forse primi anni Sessanta, o anche prima) ne avevo ascoltata un’esecuzione molto coinvolgente e “popolaresca”, vibrante e piena di brio, ero convinto che fosse di Grazia Gresi (la voce e il “vibrato” sembravano quelli) ma pare che non sia così. Poi ne ho sentite tantissime altre, da Gloria Christian ad Angela Luce (per non parlare dei “classici” degli anni Trenta e Quaranta), ma nessuna rende piena giustizia allo spirito di questa ballata; e proprio l’interpretazione del Murolo “junior”, il grande (in altri casi) Roberto, mi sembra qui del tutto inadeguata, troppo sussurrata e compassata, sbiadita, quasi incolore (ma dopotutto credo che la canzone si presti assai meglio ad una voce femminile). Mi aiuteresti a scovare quella interpretazione “ottimale”, che io considero di riferimento?
    = Scopro oggi questo sito, ne ignoravo del tutto l’esistenza ma credo che ci risentiremo tante volte ancora. Io sono un napoletano “in esilio”, mi sto approssimando ai settant’anni e ne ho vissuti quasi metà lontano dalla città che amo, lontano dalle mie radici. Da te, è come tornare nel mondo dei miei anni più belli.
    Nelle sue canzoni, come nelle commedie di De Filippo e come caratterizzata nel famoso film di De Crescenzo, Napoli esprime una CIVILTA’, un’isola felice, un’oasi di Umanità nel deserto, inconfondibile e irripetibile come un miracolo. Un mondo che riconosco negli occhi dei tanti Luca Cupiello che, perfino oggi, si possono incontrare ogni giorno nelle strade. E le espressioni più tipiche e più rappresentative di questa civiltà, sul piano musicale, non sono quasi mai le più popolari e quelle di maggior successo mondiale (succede sempre così!) – non sono, per esempio, ‘O sole mio’ e tanti altri luoghi comuni della retorica – , ma sono canzoni spesso sottovalutate o quasi dimenticate! Ne cito un’altra a puro titolo di esempio: CHE T’AGGIA DI’, che io ricordo nella toccante interpretazione del mai abbastanza compianto Alberto Amato con uno struggente accompagnamento degli archi. Mi interesserebbe tantissimo il tuo parere al riguardo.
    GRAZIE.
    Antonio

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>