L'urdema canzona mia | Testo | Vincenzo Russo
Tarantelluccia.it

L’urdema canzona mia

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 17 ottobre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Vincenzo Russo 1904)

Il poeta Vincenzo Russo, autore del testo di L urdema canzona mia

Nun me parlate cchiù d’ ‘e sciure ‘e rrose!
Pe’ mme ‘sti rrose songo senz’addore.
Nun me dicite: ‘a giuventù è ‘nu sciore
Ca chistu sciore mio è muorto già!

Pe’ mme tutt’è fernuto.
Addio, staggione belle!
Addio, rrose e vviole,
I’ ve saluto!

Oje sole, sò, tu pure m’hê lassato.
Tu pure me ll’hê fatto ‘o tradimento.
‘Nu friddo acuto dint’a ll’ossa sento
E manco tu me può venì a scarfà.

Pe’ mme tutt’è fernuto.
Addio, sole d’abbrile!
Addio, sserate ‘e luna,
I’ ve saluto!

Mò ca poch’ ati ssere ‘a luna vene
Ch’è raggio argiento a ‘stu barcone mio,
Marì, famme passà chistu gulio:
L’urdema vota te voglio vedè.

Pe’ mme tutt’è fernuto.
Addio, sserate ‘e luna,
Vita e speranza, addio!
I’ ve saluto!

Traduzione per i non napoletani

  • sciure = fiori
  • addore = odore, profumo
  • mò = adesso
  • poch’ ati ssere = poche altre sere
  • gulio = desiderio

Argomenti trattati ,