Tarantelluccia.it

L’Addio

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 23 dicembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Libero Bovio 1926)

Libero Bovio, autore del testo di Addio

Che mm’hê purtata a fá cu te stasera?
T’ ‘avevo ditto: “Che mme puorte a fá?”
I’ tengo ‘a faccia janca cchiù d’ ‘a cera
e tu nun tiene ‘a forza ‘e mme parlá.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

‘O ssaccio, nun si’ tu, nenna mia d’oro,
è ‘o core mio ca nun mme cura cchiù.
Ma nun avé paura ca, si moro,
io nun ‘o ddico ca si’ stato tu.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Stasera quanta stelle e quanta voce
‘ncoppe ‘e chitarre tornano a cantà
anema mia pecché me miette ‘ncroce
turnammancenno, che facimmo ccà ?

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Per i non napoletani

  • Pusilleco = Posillipo, uno dei quartieri di Napoli
  • janca = bianca
  • ‘o ssaccio = lo so
  • nenna = ragazza
  • moro = muoio

Argomenti trattati

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

3 Responses to “L’Addio”

  1. Cagliostro scrive:

    Non trascurate i grandi musicisti per esaltare solo i parolieri ! Le poesie senza musica,sono petali di fiori tra le pagine di un libro. Ma con una musica immortale,diventano fiori che non appassiscono mai…….

  2. Cagliostro scrive:

    Ricordiamo che questa lìrica struggente (tra le tante di Don Liberato) fu musicata dal grande Nicola Valente……non dimentichiamoci mai dei musicisti. I poeti sono importanti,ma lo sono altrettanto i musicisti………come ammonisce Riccardo Muti,””la musica innanzi tutto””……

  3. Clemente Sagnelli scrive:

    Stupenda canzone che rievoca atmosfere emotive che sembrano provenire direttamente dalla cultura della Magna Grecia: la donna non incolpa assolutamente il suo uomo per non amarla più ma da la colpa al cuore, al destino, al fato. Ed è il suo grido di dolore contro l’ineluttabilità del destino che amplifica il pathos della lirica. Grandissima interprete di questa canzone è una mia compaesana: Giulietta Sacco.
    Nel testo proposto c’è un errore alla seconda strofa che dovrebbe essere invece:
    ‘O ssaccio, nun si’ tu, ninno mio d’oro,
    è ‘o core tujo ca nun mme cura cchiù.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>