Tarantelluccia.it

L’Addio

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 23 dicembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Libero Bovio 1926)

Libero Bovio, autore del testo di Addio

Che mm’hê purtata a fá cu te stasera?
T’ ‘avevo ditto: “Che mme puorte a fá?”
I’ tengo ‘a faccia janca cchiù d’ ‘a cera
e tu nun tiene ‘a forza ‘e mme parlá.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

‘O ssaccio, nun si’ tu, nenna mia d’oro,
è ‘o core mio ca nun mme cura cchiù.
Ma nun avé paura ca, si moro,
io nun ‘o ddico ca si’ stato tu.

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Stasera quanta stelle e quanta voce
‘ncoppe ‘e chitarre tornano a cantà
anema mia pecché me miette ‘ncroce
turnammancenno, che facimmo ccà ?

Pusilleco.
Mandulinata ‘e Napule
sunata da ‘e ssirene.

Che mm’hê purtata a fá ‘ncoppo Pusilleco,
si nun mme vuó’ cchiù bene?

Per i non napoletani

  • Pusilleco = Posillipo, uno dei quartieri di Napoli
  • janca = bianca
  • ‘o ssaccio = lo so
  • nenna = ragazza
  • moro = muoio

Argomenti trattati

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>