Tarantelluccia.it

Jesce Sole (Testo)

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 17 settembre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo XIII sec.)

Jesce sole, jesce sole
nun te fa’ cchiù suspirà!
Siente mai ca le ffigliuole
hanno tanto da prià…

Per i non napoletani

  • jesce = esci
  • ffigliuole = ragazze, giovani donne
  • prià = pregare

Argomenti trattati ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

3 Responses to “Jesce Sole (Testo)”

  1. Antonio De Marco scrive:

    Trovo solo ora questo sito ed è un bellissimo regalo del Natale 2013.
    Che emozione per gli infiniti appunti su tanti aspetti della cultura musicale, storica, umana del territorio più… del mondo.
    Siciliano trapiantato nel Veneto e sposato con un’amalfitana e spesso all’estero, ho fatto concretamente l’unità d’Italia e sono cittadino del mondo, ma il senso più intimo delle parole dette e sottintese delle classiche napoletane, sono della più alta e raffinata poesia che esprimono la vera anima di un popolo, del territorio, ma forse di tutta l’umanità.
    Grazie Mimmo Guarino e spero di conoscerti in occasione di una venuta a Napoli.
    Auguri
    Antonio De Marco

  2. ALFONSO DE SIMONE ARTISTA scrive:

    COMPLIMENTI, OTTIMO SITO DI CULTURA NAPOLITANA. BUONE FESTE A TUTTI..!

  3. Rosar89 scrive:

    Le invio questa canzone del XVIII sec. che trovato su youtubeLo Passariello
    Anonimo sec. XVIII
    Mammà, nu passariello,
    io veco ogni matina,
    da chillo fenestiello,
    lo sente fa zì zì.
    Vurria co chesta mano
    ‘ncappare st’auciello,
    ma chisto è lazzariello,
    m’avesse a pizzecà.
    Mammà, vi che fortura.
    Lu vi, ll’aggio pigliato;
    non te metti pavura,
    che male mme po fà?
    Mannaggia, lu diceva,
    chisto è no lazzariello,
    stu core poveriello,
    mm’è ghiuto a pezzecà.
    Mammà, mò pe dispietto,
    mettimmolo ‘ngajola;
    purzì dint’a lo lietto
    ll’aggio a sentì cantà.
    Lo voglio tené appiso
    dint’a lo fenestiello,
    si no sto passariello
    se ne potria scappà!

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>