Tarantelluccia.it

Il canto delle lavandaie del Vomero

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 14 settembre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo XIII sec.)

Tu m’aje prommiso quatto moccatora
oje moccatora, oje moccatora!
io so’ benuto se, io so’ benuto
se me lo vuo’ dare,
me lo vuo’ dare!

E si no quatto embe’, dammenne ddoje
oje moccatora, oje moccatora
chillo ch’è ‘ncuollo a tte nn’e’ rroba toja
me lo vuo’ dare
me lo vuo’ dare.

Per i non napoletani

  • moccatora = fazzoletto/pezzo di terra
  • benuto = venuto
  • ddoje = due

Argomenti trattati

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

4 Responses to “Il canto delle lavandaie del Vomero”

  1. Giovanni Rosato scrive:

    Moco in spagnolo significa caccola, cosi’ che moccatora (o moccature) significa una cos per rimuovere le caccole ossia il fazzoletto

  2. Antonio De Filippis scrive:

    Profonda immagine della sensibilità delle popolane di Napoli, che elevano i loro sentimenti ad un romanticismo sublime insito nelle loro semplici anime intrise di tristezza e giovialità.

  3. Pietro Lignola scrive:

    Romanticismo sì, ma fino a un certo punto. La lettura alternativa (ma più probabilmente il senso è doppio) si riferisce a quattro moccature di terreno, che la cantatrice rivendica (nn’è robba toja).

  4. lucia scrive:

    Ciao, sto cercando alcuni spartiti:1-Il canto delle lavandaie del Vomero, 2-Villanella ch’all’acqua vai, 3-Fenesta vascia, 3- Cicerenella, 4- Lo Guarracino

    Grazie

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>