Tarantelluccia.it

Fenesta Vascia

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 4 settembre, 2012
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘500 – Testo rielaborato da Giulio Genoino nel 1828)

Giulio Genoino, autore del testo di Fenesta Vascia così come oggi lo conosciamo

Fenesta vascia ‘e padrona crudele,
quanta suspire mm’haje fatto jettare!…
Mm’arde stu core, comm’a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare!
Oje piglia la ‘sperienza de la neve!
La neve è fredda e se fa maniare…
e tu comme si’ tanta aspra e crudele?!
Muorto mme vide e nun mme vuó’ ajutare!?…

Vorría addeventare no picciuotto,
co na langella a ghire vennenn’acqua,
Pe’ mme ne jí da chisti palazzuotte:
Belli ffemmene meje, ah! Chi vó’ acqua…
Se vota na nennella da llá ‘ncoppa:
Chi è ‘sto ninno ca va vennenn’acqua?
E io responno, co parole accorte:
Só’ lacreme d’ammore e non è acqua!…

Per i non napoletani

  • fenesta vascia = finestra bassa
  • jettare = buttare
  • cannela = candela
  • annommenare = nominare
  • ‘sperienza = esperienza
  • langella = brocca
  • ghire = andare
  • ji = andare

Argomenti trattati , , ,