Tarantelluccia.it

Fenesta ca lucive

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 25 luglio, 2012
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo, pubblicato nel 1854)

Fenesta ca lucive e mo nun luce…
sign’è ca nénna mia stace malata…
S’affaccia la surella e mme lu dice:
Nennélla toja è morta e s’è atterrata…

Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co’ li muorte accompagnata…

Va’ dint”a cchiesa, e scuopre lu tavuto:
vide nennélla toja comm’è tornata…
Da chella vocca ca n’ascéano sciure,
mo n’esceno li vierme…Oh! che piatate!

Zi’ parrocchiano mio, ábbece cura:
na lampa sempe tienece allummata…

Addio fenesta, rèstate ‘nzerrata
ca nénna mia mo nun se pò affacciare…
Io cchiù nun passarraggio pe’ ‘sta strata:
vaco a lo camposanto a passíare!

‘Nzino a lo juorno ca la morte ‘ngrata,
mme face nénna mia ire a trovare!…

Argomenti trattati

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

8 Responses to “Fenesta ca lucive”

  1. Saverio scrive:

    É una poesia che molti non valutano perchè incapaci di comprendere lo stato d’animo di chi l’ha scritta, uno strazio cantato 100 anni fa in dialetto irpino.

  2. Anna Bonardi scrive:

    Meravigloosa nella sua tragedia. Credo che non sia possibile esprimere uno stato d’animo con altre parole. Tante canzoni napoletane sono così! Che belle! !!!!

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>