Tarantelluccia.it

Dint’ ‘o mercato

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 27 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘700)

Dint’ ‘o Mercato se jettaie lu banno
de dare gabelle a lu tiranno,
‘a copp’e viche cu’ ‘e prete e cu’ ‘e mazze
scennettero e se renchiette ‘a chiazza.

Femmene, criature, panettiere e li paranze
scauze, piscature e uno se facette ‘nnanze.

Fuje Masaniello, tanno pe’ tanno,
dint’ ‘o Mercato, a se piglià ‘o cummanno,
appriesso a isso tutt”a pupulazione,
scennette pe’ fà’ ‘a rivoluzione.

Cu prete, cu curtielle, cu furcune e cu surore
‘a ggente grida e allucca :
“A morte lu Spagnuolo!”
‘O Vicerrè, pigliato d’ ‘a paura,
chiamma a corte prievete e signure,
ca ‘o dettero ‘ncunziglio
pe’ fà’ calmà ‘sti pazze
-“nvitammo Masaniello allu palazzo”-

Isso trasette e arreto se ‘nzerrajeno lli porte,
e ‘nu mutivo fino ‘o chiamma e dice: “Io so’ la morte…”

Dint’ ‘o Mercato ascette n’atu banno,
Napule canta: ” A morte lu tiranno”
‘ncopp’allu mutivo ca se sunava a corte
‘nce stanno lli parole d’ ‘o piscatore muorto…

Per i non napoletani

  • banno = bando
  • viche = vicoli
  • prete = pietre
  • renchiette = riempirono
  • chiazza = piazza
  • scauze = scalzi
  • prievete = preti
  • ‘nzerrajeno = chiusero

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>