Tarantelluccia.it

Ciccuzza

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 12 ottobre, 2014
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo, 1874)

E Ciccuzza e la patruzza,
mangia e beva e fa ‘e selluzze
se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo

E Ciccuzza e la matruzza,
mangia e beva e fa ‘e selluzze
se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo

Ah, laralilà dinto ‘a sacca nun fanno rummore
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

Ah, laralilà t”o magnaste ‘o capitone
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

E Ciccuza nun tene denare
s’è ‘mpignato pure ‘o panaro
‘a tiella e ‘a cavurara

E Ciccuza nun tene denare
s’è ‘mpignato pure ‘o panaro
‘a tiella e ‘a cavurara

Ah, laralilà dinto ‘a sacca nun fanno rummore
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

Ah, laralilà t”o magnaste ‘o capitone
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

E Ciccuzza pe’ Santa Chiara
se maniava sempe ‘a cucchiar
a cucchiara a cucchiara

E Ciccuzza jette a messa
‘nce rumpettene ‘a pettenessa
‘a pettenessa ‘a pettenessa

Ah, laralilà t”o magnaste ‘o capitone
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

Ah, laralilà t”o magnaste ‘o capitone
e Ciccuzza d”a mamma soja
e contame ‘o fatto e comme fuje

Comme fuje e comme nun fuje
l’aglio arreta l’aviste tu
l’aviste tu, l’aviste tu

* Versione cantata da Antonello Paliotti

Argomenti trattati ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

2 Responses to “Ciccuzza”

  1. FRANCO PERCOPO scrive:

    SALVE COMPLIMENTI PER IL SITO ISTRUTTIVO ,INTERESSANTE E FRUTTO DI VERA E SANA PASSIONE PER LA CANZONE CLASSICA

    SICCOME HO FATTO INCIDERE A MIA MOGLIE ‘A LUCIANA E REGINELLA VORREI SAPERE SE SONO GIA’ OPERE DI PUBBLICO DOMINIO GRAZIE

    DISTINTI SALUTI FRANCO PERCOPO

  2. Giiacomo VITTORIO scrive:

    Egregio signor Miimmo Guarino, salto i complimenti, che sono tanti, scrivo per chiedere un aiuto, se possibile.
    Ho trovato la canzone che si chiame “CICCUZZA”, da lei citata,cantata da diversi cantanti tra cui i “ZEZI” che però cambiano le parole per motivi di satira politica.
    La faccenda è che non riesco a capire alcune parole della prima strofa, cioè:
    E Ciccuzza e la patruzza, mangia e beva e fa ‘e selluzze, se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo
    E Ciccuzza e la matruzza, mangia e beva e fa ‘e selluzze, se ne fuje pe’ ‘ncoppo ‘o ruzzo
    Ah, laralilà dinto ‘a sacca nun fanno rummore e Ciccuzza d”a mamma soja
    e contame ‘o fatto e comme fuje

    Le ricerche da me effettuate mi hanno portato a poco o niente:
    Patruzza e matruzza – In napoletano mi sa che non esistono, ma in siciliano
    sono vezzeggiativi di padre e madre.
    Ruzzo – E’ un acquedotto teramano o abbruzzese. Che abbia qualche attinenza con
    la parola “selluzzo”, che in napoletano ha significato, nell’ottocento,
    “sennuzzo”, cioè singhiozzo?

    E ancora, che può significare “Dinto ‘a sacca nun fanno rummore”? Riferito a cosa?
    Mi aiuti?

    Giacomo VITTORIO

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>