Tarantelluccia.it

Canzona bella

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 17 ottobre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Vincenzo Russo 1904)

Il poeta Vincenzo Russo, autore del testo di Canzona bella

Vuje ca d”e bbelle la cchiù bella site,
veniteve a affacciá for”o balcone,
scetáteve nu poco, nun durmite,
sentite quant’è doce ‘sta canzone.
 
Chesta canzone ca io stó’ cantanno,
è tutta sentimento e ‘spressione
che vène da nu core ‘e passione.
Stu core ca, pe’ vuje, soffre ‘a n’anno.
 
Vurria addeventá chistu cuscino,
addó’ ‘sta faccia ‘e rose vuje appujate.
Sul’accussí ve venarría vicino
e vasarría sti ttrezze avvellutate.
 
Bella, ca d’ ‘e bellizze ca tenite,
facite ‘mmiria a ‘e stelle ‘e ‘mmiez’ô cielo.
P’ ‘o scuorno, ‘a luna giá s’ha miso ‘o velo
pecché cchiù bella d’essa vuje parite. 
 
Tutte sti rrose ‘e for’a ‘sta fenesta,
aspettano ca forse v’affacciate.
Ve stanno priparanno giá na festa
pe’ quanno vuje, da ‘o suonno, ve scetate.
 
E si stu suonno, a vuje, ve dá arricietto,
pe’ me, ‘o suonno nun esiste maje.
Mme diceno ‘e llenzole ‘e dint’ ‘o lietto:
“Si vène nénna toja, durmarraje”.

Traduzione per i non napoletani

  • appujate = appoggiate
  • ‘mmiria = invidia
  • scuorno = vergogna
  • parite= sembrate
  • arricietto = pace, sollievo
  • nénna = ragazza
  • popolo attribuivano poteri magici

Argomenti trattati ,

Mimmo GuarinoCiao! Mi chiamo Mimmo Guarino alias “Lo Guarracino” e sono il creatore di questo blog. Mi sono innamorato della canzone napoletana grazie alla voce del grande Roberto Murolo, a mio avviso il più grande interprete di questa nobile forma d’arte.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>