Bella ca bella si' | Armando Gill
Tarantelluccia.it

Bella ca bella si’

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 2 novembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Armando Gill 1919)

Armando Gill, autore del testo e della musica di Bella ca bella si

Mme so’ scetato a ll’alba stammatina
e aggiu menato ‘a rezza ‘mmiez”o mare.
A ‘na fenesta steva Carulina
e mme guardava cu chill’uocchie chiare.
‘Ncantato pe’ guardá chella sirena
aggiu perduto a mare ‘a rezza chiena.

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

‘A cchiù ‘e ‘nu mese tengo, ‘int’a stu core,
‘nchiuvate ll’uocchie suoje turchine e doce.
E i’ ca nun aggio maje saputo ‘ammore
mo sto perdenno ‘a pace, ‘o suonno e ‘a voce.
E mme ne fa jettá lácreme amare,
pe’ quanta stelle ‘ncielo e ‘a rena a mare.

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

Mm’ha ditto mamma: “Abbada, statte attiento
e nun te ce ‘ncaná, ch’è senza core.
Chell’è ‘na vela, avota comm’ ‘o viento.
Nce sta chiagnenno cchiù ‘e ‘nu piscatore”.
Ma senza ll’uocchie belle ‘e Carulina,
i’ che ‘nce campo a fa’ pe’ ‘sta marina?

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

Per i non napoletani

  • scetato = svegliato
  • rezza = rete
  • chella = quella
  • aggiu/aggio = ho
  • ‘nchiuvate = inchiodati
  • jettá = gettare, buttare
  • ‘ncielo = in cielo
  • rena = sabbia
  • ‘ncaná = intestardire
  • avota = gira, si volta

Argomenti trattati ,