Tarantelluccia.it

‘A serenata ‘e Pullicenella

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 18 settembre, 2013
Autore: Lo Guarracino

(Libero Bovio 1911)

Libero Bovio, autore del testo di A serenata e Pullicenella

E sto’ aspettanno cu stu mandulino
ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna…
mme so’ nascosto dint’a nu ciardino,
pe’ nun ‘o ffá assape’
ca so’ semp’io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bene!
Te voglio tantu bene!
T”o ddico zittu, zittu,
zittu, zitto…
ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
pò senti’:
“Te voglio bene!”

Mme metto scuorno ‘e fá sape’ a ll’amice
ca “tinco tinco” torno e faccio pace.
Si ‘appura ‘a gente, Napule che dice?
Ca mm”e vvoglio fá fá,
sott’a chist’uocchie, cierti ‘nfamitá?

Te voglio tantu bene!
Te voglio tantu bene!
T”o ddico zittu, zittu,
zittu, zitto…
ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
pò sentí:
“Te voglio bene!”

Na vota ero ‘o cchiù guappo ‘e ll’Arenella:
tenevo ‘nnammurate a mille a mille…
e mo mme faje chiammá “Pulicenella”…
Ma tu ce pienze o no,
ch’éro nu guappo – guappo overo – e mo?

Te voglio tantu bene!
Te voglio tantu bene!
T”o ddico zittu, zittu,
zittu, zitto…
ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
pò sentí:
“Te voglio bene!”

Per i non napoletani

  • trase = rientra
  • ciardino = giardino
  • allucca = grida, urla
  • mme metto scuorno = mi vergogno
  • appura = accerta, scopre
  • Arenella = un quartiere di Napoli
  • ‘nnammurate = fidanzate, innamorate

Argomenti trattati , ,