Tarantelluccia.it

Dint’ ‘o mercato

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 27 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘700)

Dint’ ‘o Mercato se jettaie lu banno
de dare gabelle a lu tiranno,
‘a copp’e viche cu’ ‘e prete e cu’ ‘e mazze
scennettero e se renchiette ‘a chiazza.

Femmene, criature, panettiere e li paranze
scauze, piscature e uno se facette ‘nnanze.

Fuje Masaniello, tanno pe’ tanno,
dint’ ‘o Mercato, a se piglià ‘o cummanno,
appriesso a isso tutt”a pupulazione,
scennette pe’ fà’ ‘a rivoluzione.

Cu prete, cu curtielle, cu furcune e cu surore
‘a ggente grida e allucca :
“A morte lu Spagnuolo!”
‘O Vicerrè, pigliato d’ ‘a paura,
chiamma a corte prievete e signure,
ca ‘o dettero ‘ncunziglio
pe’ fà’ calmà ‘sti pazze
-“nvitammo Masaniello allu palazzo”-

Isso trasette e arreto se ‘nzerrajeno lli porte,
e ‘nu mutivo fino ‘o chiamma e dice: “Io so’ la morte…”

Dint’ ‘o Mercato ascette n’atu banno,
Napule canta: ” A morte lu tiranno”
‘ncopp’allu mutivo ca se sunava a corte
‘nce stanno lli parole d’ ‘o piscatore muorto…

Per i non napoletani

  • banno = bando
  • viche = vicoli
  • prete = pietre
  • renchiette = riempirono
  • chiazza = piazza
  • scauze = scalzi
  • prievete = preti
  • ‘nzerrajeno = chiusero

Raffaele Sacco

Categoria: Fotografie d'epoca
Data inserimento: 9 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino
Raffaele Sacco

L’uomo nella foto è Raffaele Sacco, il poeta della canzone Te voglio bene assaje. La canzone, scritta nel 1835, diede un impulso decisivo alla tradizione canora della festa di Piedigrotta. Raffaele Sacco di professione faceva l’ottico.

‘O cunto ‘e Masaniello

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 9 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘700)

A lu tiempo de la malora
Masaniello è ‘nu piscatore,
piscatore nun le rincresce
Masaniello se magna ‘nu pesce.
Vene subbeto ‘o Vicerrè
chistu pesce spett”a mme
tutt”a mme e niente a tte
po’ si ‘a tassa vuo’ pava’,
chistu pesce t”o può ‘mpigna’…
A lu tiempo de la malora
Masaniello è ‘nu piscatore.

A lu tiempo de trivule ‘mpizze
Masaniello se veste ‘a scugnizzo,
‘nu scugnizzo stracciato e fetente,
Masaniello se magna ‘e semmente.
Vene subbeto ‘o Vicerrè
‘sta semmenta spett’a mme
tutt’a mme e niente a tte
cu ‘a semmenta tu te ‘ngrasse,
e t”a metto n’ata tassa…
A lu tiempo de trivule ‘mpizze
Masaniello se veste ‘a scugnizzo…

A lu tiempo de li turmiente
Masaniello se veste ‘a fuiente.
Senza rezza e senza cchiù varca,
fa ‘nu vuto a’ Maronna ‘e ll’Arco..
Vene ‘o prevete e ‘o Vicerrè
‘sta Maronna spett’a mme
tutt’a mme e niente a tte,
chesta è a tassa p”o Pataterno,
o vai subbeto all’inferno..
A lu tiempo de li turmiente
Masaniello se veste a fuiente.

A lu tiempo d”a disperazione
Masaniello se veste ‘a lione
‘nu lione cu ll’ogne e cu ‘e riente,
tene ‘a famma e tutt”e pezziente.
Vicerrè mò fete ‘o ccisto
songo ‘o peggio cammurrista,
io me songo fatto ‘nzisto,
e cu ‘a ‘nziria ‘e Masaniello
faje marenna a sarachiello…
A lu tiempo d”a disperazione
Masaniello se veste ‘a lione.

A lu tiempo de’ primmavera
Masaniello se veste ‘a bannera.
‘Na bannera ca ‘o popolo bascio
sona arreto tammorra e grancascia.
Attenzione… battaglione
s’è sparato ‘nu cannone,
è asciuto pazzo lu patrone,
ogge ‘nce ha avasciato ‘o ppane
ma nun saje fino a dimmane…
A lu tiempo de’ primmavera
Masaniello se veste ‘a bannera.

A lu tiempo de’ trarimiento
Masaniello ‘o vestono ‘argiento,
tutt’argiento ‘e signure cumpite
mò ce ‘o coseno ‘stu vestito.
Dice subbeto ‘o Vicerrè
simmo eguale io e te
pazziammo cucù e settè,
si rispunne a chist’invito,
t’aggia cosere n’atu vestito…
A lu tiempo de’ trarimiento
Masaniello ‘o vestono ‘argiento.

A lu tiempo de’ li ‘ntrallazze
Masaniello è bestuto da pazzo.
Quanno tremma e ‘o vestito se straccia,
pure ‘o popolo ‘o sputa ‘nfaccia
‘Stu vestito fa appaura
Masaniello se spoglia annuro,
‘a Maronna nun se ne cura
po’ si ‘a capa ‘nterra ce lassa
accussì pava ll’urdema tassa.
A lu tiempo de’ li ‘ntrallaze
Masaniello è bestuto da pazzo.

A lu tiempo de ‘sti gabelle
Masaniello è Pulicenella.
Si è rimasto cu ‘a capa a rinto
ll’ate ridono areto ‘e quinte.
Po’ s’aumenta ‘o ppane e ll’uoglio
saglie ‘ncoppa n’atu ‘mbruoglio
tira ‘o popolo ca ce cuoglie,
nun ce appizza mai la pelle
chi cummanna ‘sti guarattelle.
A lu tiempo de ‘sti gabelle
Masaniello è Pulicenella

A lu tiempo de’ chisti scunfuorte
Masaniello è bestuto da muorto.
Dint”a nicchia ‘na capa cu ll’ossa
nce ha lassato ‘na coppola rossa.
Chesta coppola dà ‘na voce,
quanno ‘a famme nun è doce,
quann”o popolo resta ‘ncroce,
quanno pave ‘stu tributo
pure ‘a tassa ‘ncopp”o tavuto.
A lu tiempo de chisti scunfuorte
Masaniello è bestuto da muorto.
Masaniello s”o credono muorto…

Per i non napoletani

  • semmente = semi
  • bannera = bandiera
  • fuiente = battente (figura tipica della devozione religiosa campana)
  • coseno = cuciono
  • ‘ntrallazze = imbrogli, sotterfugi
  • appizza = rimette, perde
  • guarattelle = teatrino (in senso figurato)
  • tavuto = bara

Via Toledo – Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Categoria: Luoghi storici della canzone napoletana
Data inserimento: 31 luglio, 2017
Autore: Lo Guarracino

Via Toledo: viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Con questo articolo nasce una nuova rubrica: Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana. Ho deciso infatti di girare una serie di video in omaggio ai luoghi che hanno reso celebre la canzone napoletana classica: un’occasione per conoscere la storia di strade, piazze, palazzi, monumenti, teatri legati a canzoni napoletane famose.

Come prima tappa di questo viaggio emozionante ed affascinante ho scelto di girare un video sulla bellissima Via Toledo, una strada che nel corso degli anni ha ispirato tanti artisti. Situata tra il centro più antico della città ed i famosi quartieri spagnoli, Via Toledo è stata per anni una tappa imprescindibile del Grand Tour: il percorso lungo le principali capitali europee che i giovani aristocratici facevano per arricchire il loro bagaglio culturale.

Via Toledo, che fu voluta dal viceré spagnolo Pedro Alvarez de Toledo nel 1536, è ancora oggi è l’arteria principale della città, sempre brulicante di vita con tanti turisti da tutto il mondo che ogni giorno la prendono d’assalto. E non potrebbe essere altrimenti: via Toledo è una strada ricca di storia, lungo di essa non mancano antichi palazzi legati ad importanti eventi storici: come il palazzo Doria D’Angri, palazzo Barbaja e palazzo Cirella. E poi c’è la straordinaria galleria Umberto.

Ovviamente, questo video su via Toledo è soprattutto un’occasione per ricordare i poeti che l’hanno immortalata nei versi nelle loro canzoni: tra queste la più famosa resta senza Reginella scritta nel 1917 da Libero Bovio e musicata dal Maestro Gaetano Lama. Buona visione.