Tarantelluccia.it

La sirena Partenope – Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Categoria: Luoghi storici della canzone napoletana
Data inserimento: 2 novembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

sirena partenope
Questo è il terzo video dedicato ai luoghi storici della canzone napoletana. In questa puntata andremo alle origini della tradizione che vuole Napoli città simbolo del bel canto. Visiteremo infatti i luoghi della Sirena Partenope, creatura mitica, dal melodioso canto e leggendaria fondatrice dell’omonima città, nucleo fondante di quella che sarà Napoli.

La prima tappa di questo affascinante viaggio sarà l’isolotto di Megaride, dove secondo la legenda arrivò, trascinato dalle correnti del golfo, il corpo senza vita della sirena e dove oggi si erge lo splendido Castel dell’Ovo. Passeggeremo anche per lungomare di Napoli, percorrendo proprio la strada che porta il nome della sirena.

Sarà poi la volta di Via Gramsci con i suoi bellissimi palazzi nobiliari e Piazza Sannazaro al centro della quale è installata la famosa fontana della sirena.

Ci sposteremo poi nel rione Materdei per percorrere il caratteristico Vico Lungo San Raffaele alla fine del quale troveremo Via Salita San Raffaele dove potremo ammirare lo splendido murale della sirena dipinto nell’estate del 2015 dall’artista di strada Francisco Bosoletti.

Arrivati a Piazza Municipio, entreremo a Palazzo San Giacomo – sede del comune di Napoli – per ammirare ‘A capa ‘e Napule (La testa di Napoli): la statua più famosa della città. Si tratta dei resti di un’antica statua greca che secondo la tradizione raffigura proprio la sirena dal dolce canto.

In Via Giuseppina Guacci Nobile, dietro la sede principale dell’Università Federico II, scopriremo la fontana della Spinnacorona, anche chiamata fontana delle zizze. Si tratta di una fontana molto particolare poiché rappresenta la sirena Partenope nell’atto di spegnere l’eruzione del Vesuvio scolpito ai suoi piedi tramite l’acqua che esce dalle proprie mammelle.

Ultima tappa del nostro viaggio sarà la Basilica di San Giovanni Maggiore, posta a ridosso delle omonime rampe situate in una traversa di Via Mezzocannone, dove ci metteremo alla ricerca della mitica tomba della sirena.

Ovviamente, durante questo itinerario andremo alla scoperta delle canzoni classiche napoletane più famose che si sono ispirate alla sirena Partenope.

Bella ca bella si’

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 2 novembre, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Armando Gill 1919)

Armando Gill, autore del testo e della musica di Bella ca bella si

Mme so’ scetato a ll’alba stammatina
e aggiu menato ‘a rezza ‘mmiez”o mare.
A ‘na fenesta steva Carulina
e mme guardava cu chill’uocchie chiare.
‘Ncantato pe’ guardá chella sirena
aggiu perduto a mare ‘a rezza chiena.

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

‘A cchiù ‘e ‘nu mese tengo, ‘int’a stu core,
‘nchiuvate ll’uocchie suoje turchine e doce.
E i’ ca nun aggio maje saputo ‘ammore
mo sto perdenno ‘a pace, ‘o suonno e ‘a voce.
E mme ne fa jettá lácreme amare,
pe’ quanta stelle ‘ncielo e ‘a rena a mare.

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

Mm’ha ditto mamma: “Abbada, statte attiento
e nun te ce ‘ncaná, ch’è senza core.
Chell’è ‘na vela, avota comm’ ‘o viento.
Nce sta chiagnenno cchiù ‘e ‘nu piscatore”.
Ma senza ll’uocchie belle ‘e Carulina,
i’ che ‘nce campo a fa’ pe’ ‘sta marina?

Bella, ca bella si’,
chi te pò maje scurdá.
Si st’uocchie doce mme fanno murí,
só’ pure ‘a luce ca mme fa campá.

Per i non napoletani

  • scetato = svegliato
  • rezza = rete
  • chella = quella
  • aggiu/aggio = ho
  • ‘nchiuvate = inchiodati
  • jettá = gettare, buttare
  • ‘ncielo = in cielo
  • rena = sabbia
  • ‘ncaná = intestardire
  • avota = gira, si volta

La festa di Piedigrotta – Viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Categoria: Luoghi storici della canzone napoletana
Data inserimento: 3 ottobre, 2017
Autore: Lo Guarracino

La festa di Piedigrotta: viaggio nei luoghi storici della canzone napoletana

Seconda tappa nei luoghi storici della canzone napoletana. Dopo Via Toledo è la volta dei posti simbolo della festa di Piedigrotta.

Questo affascinante viaggio inizia nella bellissima villa comunale di Napoli all’interno della quale – oltre a statue, piante e fontane – troveremo la stazione zoologica Anton Dohrn, uno degli acquari più antichi del mondo, e la Casina Pompeana, oggi sede dell’archivio sonoro della canzone napoletana.

Usciti dalla villa ammireremo i panorami marini della famosa Via Caracciolo, faremo poi una sosta nella chiesa della Vittoria posta nell’omonima piazza che si trova proprio di fronte all’ingresso principale della villa comunale dove nel 1734 partì una parata rimasta nella storia per il suo sfarzo.

Percorreremo poi la bellissima Via Chiaia e Via Piedigrotta per arrivare al santuario della Madonna di Piedigrotta dove nel giorno della festa i reali e tutto il popolo si recavano per rendere omaggio alla Madonna.

Infine visiteremo un vero e proprio gioiello: il parco della tomba di Virgilio. In questo luogo troveremo la tomba del poeta Giacomo Leopardi ed un colombario romano che la tradizione individua come la tomba del poeta Virgilio. Scopriremo poi la Crypta Neapolitana, un gigantesco tunnel scavato nella roccia, che può essere considerato l’antico tempio pagano della canzone napoletana.

Nel video racconto la storia della Festa di Piedigrotta: dagli antichi riti pagani in onore del dio Priapo, al culto della Madonna di Piedigrotta fino alla competizione canora.

Dint’ ‘o mercato

Categoria: Testi canzoni napoletane
Data inserimento: 27 agosto, 2017
Autore: Lo Guarracino

(Anonimo ‘700)

Dint’ ‘o Mercato se jettaie lu banno
de dare gabelle a lu tiranno,
‘a copp’e viche cu’ ‘e prete e cu’ ‘e mazze
scennettero e se renchiette ‘a chiazza.

Femmene, criature, panettiere e li paranze
scauze, piscature e uno se facette ‘nnanze.

Fuje Masaniello, tanno pe’ tanno,
dint’ ‘o Mercato, a se piglià ‘o cummanno,
appriesso a isso tutt”a pupulazione,
scennette pe’ fà’ ‘a rivoluzione.

Cu prete, cu curtielle, cu furcune e cu surore
‘a ggente grida e allucca :
“A morte lu Spagnuolo!”
‘O Vicerrè, pigliato d’ ‘a paura,
chiamma a corte prievete e signure,
ca ‘o dettero ‘ncunziglio
pe’ fà’ calmà ‘sti pazze
-“nvitammo Masaniello allu palazzo”-

Isso trasette e arreto se ‘nzerrajeno lli porte,
e ‘nu mutivo fino ‘o chiamma e dice: “Io so’ la morte…”

Dint’ ‘o Mercato ascette n’atu banno,
Napule canta: ” A morte lu tiranno”
‘ncopp’allu mutivo ca se sunava a corte
‘nce stanno lli parole d’ ‘o piscatore muorto…

Per i non napoletani

  • banno = bando
  • viche = vicoli
  • prete = pietre
  • renchiette = riempirono
  • chiazza = piazza
  • scauze = scalzi
  • prievete = preti
  • ‘nzerrajeno = chiusero